PARIOTA: “IL VALORE E LA DIGNITA’ DELLA STORIA ANCHE PER GLI AVVENIMENTI DI OGGI. EVITIAMO L’OBLIO!””

Settantaquattro anni dalla fine del secondo conflitto mondiale. Settantaquattro e non sentirli. Mettiamola così: se chiedessimo oggi a tantissimi giovani – non necessariamente Millenials – di fornirci uno spaccato degli eventi più importanti dal ’45 in poi, andrebbero in difficoltà.

Perché la storia si insegna partendo dalla notte dei tempi finendo per comprimere ciò che invece andrebbe esteso. Mi riferisco allo studio del Novecento – secolo di Totalitarismi (comunismo, fascismo e nazismo) e di immani tragedie belliche – la cui seconda metà è frettolosamente trattata per ovvie ragioni temporali. Risultato: un pezzo importante della nostro recente passato, dal quale si sono edificate società democratiche ispirate a valori di solidarietà e di uguaglianza, rischia di diventare un illustre sconosciuto. Giusto ridare nelle scuole dignità alla storia come disciplina fondamentale per la formazione degli alunni. Ma che sia una storia più recente.

La memoria non può andare troppo all’indietro, altrimenti precipita nell’oblio.

Previous NAPOLI-CAGLIARI:2-1 .DECIDONO MERTENS E INSIGNE ! AZZURRI IN CHAMPIONS
Next F1, VETTEL:" VOGLIO VINCERE IL MONDIALE CON LA FERRARI "

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Arrivano i   corsi per pizzaiolo del Trianon  in collaborazione con l’Associazione Arti e Mestieri

 Anche la storica  Pizzeria Trianon partecipa con i suoi corsi alle attività dell’Associazione Arti e Mestieri. Scopo dell’Associazione,  nata da un’idea diRosario Bianco, patron di Rogiosi Editore, del magistrato Catello Maresca,

Officina delle idee

PIZZUTI:” GINEVRA, CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE: UN ECUMENISMO DI GENERE.MA ANCHE SEGNO DEI TEMPI.”

Ieri pomeriggio in uno zapping televisivo ho incrociato la preghiera ecumenica a Ginevra in occasione del pellegrinaggio di papa Francesco per il 70° anniversario della fondazione del Consiglio Ecumenico delle

Officina delle idee

Nei Paesi senza speranza, tra gli ultimi degli ultimi

Il dottor Ebreo è stato inviato prima nei Balcani con la Caritas, all’epoca della missione arcobaleno quando gli americani sorvolavano i cieli con i B52, poi nelle zone calde del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi