Pariota:” La stupidità allo stato puro prende anche le masse!”

Non ci posso credere. Dopo aver visto Bird Box – film post apocalittico distribuito da Netflix nel quale un contagio che si propaga attraverso la vista scatena una follia collettiva – la gente ha cominciato a bendarsi gli occhi spinta da un insopprimibile spirito di emulazione. Tant’è che un’associazione americana di genitori ha chiesto la rimozione della pellicola dalla piattaforma adducendo che i ragazzi se ne vanno in giro bendati, finanche sulle moto, in questa paradossale sfida denominata “Bird BoxChallenge”. I video postati sui social sono diventati virali in un battibaleno; dunque i pericoli si moltiplicano. E non si creda che il fenomeno riguardi solo gli adolescenti. Macché. Si segnalano frequenti casi di intere famiglie col bernoccolo del brivido. Ma cos’hanno al posto del cervello queste persone? Definirli incoscienti è come dar loro una bonaria carezza.

Altro che storie, qui parliamo di stupidità allo stato puro. Triste corollario di un modello sociale infantile ed involuto. Sulla cui tenuta a lungo termine è azzardato scommettere.

Previous Migranti, Nappi e Rivellini (Insieme-Napoli Capitale): “denunciato De Magistris a Corte dei Conti, basta pagliacciate”
Next Brindisi di inizio anno a Napoli per demA. De Magistris:"Insieme ed uniti siamo più forti".

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

I MITI DI NAPOLI : STORIA DI SAN GIORGIO A CREMANO

San Giorgio a Cremano, nota ai più per essere stata la città di Massimo Troisi, Alighiero Noschese e residenza di Luca Giordano, risulta essere oggi parte integrante dell’agglomerato urbano della

Officina delle idee

NAPOLI: IN MIGLIAIA PER IL RAMADAM

Un popolo di mille colori dove non esiste diversita’ e’ il messaggio che i rappresentanti della la comunità islamica di Napoli hanno lanciato da piazza Garibaldi a Napoli dove migliaia

Officina delle idee

AVELLINO: SI RINNOVA L’APPUNTAMENTO CON TERRAFUOCO 2018

Ad Avellino si vive  l’appuntamento con Terrafuoco 2018, un mese di evento i, musica e racconto nel centro del capoluogo irpino in programma  fino al 31 gennaio. Una festa popolare a passo lento

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi