PARIOTA:”PREGIUDIZI ANTISCIENTIFICI? BEN VENGANO I VACCINI.”

Sono decisamente favorevole alla più ampia diffusione della profilassi sui vaccini. E non perché mi sfugga il rischio che gli studi del settore possano essere ancora carenti oppure influenzati da conflitti d’interesse; ma in quanto considero il vaccino indispensabile per la tutela della propria e dell’altrui salute.

È inutile girarci intorno, i dati parlano chiaro: nei primi mesi del 2017 si è registrato in Italia un incremento dei casi di morbillo pari al 230%. In Romania da febbraio 2016 il picco è stato toccato con oltre 3mila casi di contagio in bambini sotto i 4 anni per il 96% non vaccinati. Una vera e propria epidemia.

Dove vogliamo arrivare col pregiudizio antiscientifico? A far riemergere in Europa malattie debellate come la poliomelite o la difterite? Non occorre essere raffinati luminari della scienza per comprendere che – oggi più di ieri – le mutate condizioni di mobilità globale portano ad un frequente contatto tra persone provenienti da varie parti del mondo.

Il rischio di potenziali focolai di trasmissione di malattie più o meno serie e la loro velocità di propagazione è dunque altissimo. La scelta di non tutelare i bambini da tali pericoli è irresponsabile, per non dire folle.

Previous DON GIUSEPPE DIANA:"RISALIAMO SUI TETTI E RIANNUNCIAMO PAROLE DI VITA."A 23 ANNI DALL'OMICIDIO.
Next LA REGIONE CAMPANIA RICONOSCE IL TITOLO DI "INDIRIZZO RARO" ALL'ISTITUO GIOVANNI CASELLI DI CAPODIMONTE.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Lettera aperta al mio PD

  Di Ernesto Nocera Dice il Vangelo: «Oportet ut scandala eveniant». Bisogna che gli scandali avvengano. E sono avvenuti. Non mi riferisco qui agli scandali da corruzione ormai così quotidiani

Officina delle idee

LA BUFALA SU IL SANNIO QUOTIDIANO

Nelle ultime settimane, l’attenzione di tutti, giornalisti e non, si è concentrata su il Sannio quotidiano. Ebbene si, perché secondo un articolo rimbalzato in rete nei giorni scorsi, il quotidiano

Officina delle idee

POPOLO E PARROCI AL FUNERALE A FORCELLA PER L’UCCISIONE DI MAIKOL GIUSEPPE RUSSO

Lo scorso martedì, il quartiere Forcella a Napoli, ha manifestato dolore e rabbia nel funerale di buon mattino per l’uccisione di Maikol Giuseppe Russo di 27 anni, ammazzato la sera

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi