PD NEL CAOS. MARCO MINNITI SI RITIRA:”IL MIO E’ UN GESTO D’AMORE PER IL PARTITO.” LE MOSSE DI RENZI.

Manca una settimana al 12 dicembre, termine ultimo per la presentazione delle candidature al congresso del Pd, e il partito è nel caos totale. Ci sono tanti modi per descriverlo, ma il tramonto del Partito democratico ormai è una certezza. Marco Minniti, che già aveva segnato una cesura imponendo politiche di destra a un partito teoricamente di sinistra, si è ritirato dalla corsa alla segreteria del partito: Renzi infatti non lo sostiene, sta già pensando a un suo partito personale che punterà a vampirizzare anche qualche pezzo di Forza Italia per riformare una Democrazia cristiana 2.0.La decisione di Minniti era nell’aria da tempo. La conferma è arrivata dopo l’incontro, avvenuto nel pomeriggio, con Luca Lotti e Lorenzo Guerini. I due parlamentari hanno ribadito il sostegno dei renziani alla candidatura di Minniti alle primarie, ma non è servito a placare il malessere dell’ex ministro dell’Interno, secondo il quale Matteo Renzi è stato troppo freddo nei suoi confronti nelle ultime settimane. Marco Minniti ha ritirato la sua candidatura a segretario del Partito Democratico. Ex ministro dell’Interno, Minniti aveva annunciato la sua decisione di candidarsi con un’intervista a Repubblica, dopo mesi di incertezze; l’ha ritirata, dopo diciotto giorni, con un’altra intervista a Repubblica. «Resto convinto in modo irrinunciabile che il congresso ci debba consegnare una leadership forte e legittimata dalle primarie», ha detto Minniti al giornalista Claudio Tito. «Ho però constatato che tutto questo con così tanti candidati potrebbe non accadere. Il mio è un gesto d’amore verso il partito».

Bisogna attendere il 12 dicembre dunque per sciogliere ogni dubbio e capire una volta per tutte chi sarà a partecipare alle primarie del Pd. Ma alla fine di tutto ci potremmo ritrovare – al netto dei nomi e delle sigle – in una situazione simile a quella che c’era prima della nascita del partito 11 anni fa. Un partito – il Pd – simile ai vecchi Ds, guidato da Nicola Zingaretti e che vedrebbe anche il ritorno di gente come Bersani. E un altro, quello di Renzi, più centrista, simile alla vecchia “Margherita”.

Previous Le consegne globali di tablet in Europa occidentale cedono il 2,5% su base annua
Next Il terzo - ed ultimo - appuntamento con la mini rassegna punk - ska - rock “When I was young… on friday night!”  è con i  MEGANOIDI

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI ,MORTA UNA BAMBINA DI 12 MESI CAUSA UNA MENINGITE FULMINANTE

Una bimba di 12 mesi, proveniente da Ischia  è morta nell’ospedale Santobono di Napoli a causa di una meningite fulminante. La piccola è giunta nel capoluogo partenopeo nella prima mattinata

ultimissime

CAMPANIA, DI MAIO SULLA DORIA DI ACERRA: ” SIAMO STANCHI DI CIMITERI INDUSTRIALI SUL NOSTRO TERRITORIO “

   “Sulla Doria di Acerra non ci siamo ancora. Ne abbiamo piene le scatole di cimiteri industriali sul nostro territorio”. Così si è espresso  il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Luigi

ultimissime

SONDAGGIO TARGATO MASIA:RENZI 73,5% DELLE PREFERENZE,EMILIANO 11,7,ROSSI 8,3% E SPERANZA 6,5%.

La scissione nel Partito democratico, o meglio la fuoriuscita di alcuni esponenti della minoranza, sembra ormai cosa certa. In attesa della Direzione che sancirà l’inizio della fase congressuale e dei

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi