PENSIONI PAGATE ALL’ESTERO, BOERI: “GLI IMMIGRATI CI HANNO REGALATO CIRCA UN PUNTO DI PIL”

Boeri è dunque  tornato ad esprimersi in merito al caso delle #Pensioni pagate all’estero in favore di coloro che sono andati a vivere in Paesi con basso costo della vita e basse leggi fiscali parlando di un fenomeno che al momento non appare destinato a diminuire. Una vicenda che abbraccia inevitabilmente alla globalizzazione e sulla quale , Boeri sentenzia che “non c’è niente di male”, ma che porta comunque a dover riflettere sul funzionamento del sistema. Intervenendo presso il Senato, davanti al Comitato che si occupa degli italiani all’estero, il rappresentante dell’Inps ha quindi senteziato parlando di “controtendenza” rispetto a quanto avviene normalmente altrove, evidenziando la necessità di invertire la marcia e iniziare ad “importare” pensionati in Italia. Tuttavia, sui pagamenti degli assegni all’estero i dati dell’Inps riportano uscite totali per un miliardo di euro, contenenti inoltre delle  prestazioni previdenziali che, come già epresso, non hanno però un ritorno sui consumi del nostro Paese. Nel corso dello scorso anno risultano pagate circa 373mila pensioni divise su 160 nazioni e coperte da periodi contributivi che in casi superiori all’80% non equivalgono  a 10 anni. Boeri  ha quindi sottolineato la falsità di alcune notizie che stanno circolando in rete in merito alla possibilità di ottenere facilmente degli assegni  di ricongiunzione familiare perché il richiedente abbia almeno compiuto i  65 anni e 7 mesi. Ma  il pagamento del sussidio richiede insieme una permanenza continuativa nel nostro Paese di almeno un decennio. Un vincolo che esclude la possibilità di pagare pensioni sociali attivando la semplice pratica di ricongiunzione.

Sull’ immigrazione Tito Boeri era già intervenuto negli scorsi giorni, ricordando che i versamenti effettuati dagli immigrati a fondo perso ammontano a 300 milioni di euro, ed esprimendo il suo rammarico: “Sin qui gli immigrati ci hanno regalato circa un punto di Pil”  ricordando che i versamenti annui degli immigrati regolari risultano essere  8 miliardi di euro. Contributi di euri che in diversi casi non si traducono in prestazioni e che vengono lasciati all’interno delle casse dell’Inps.

 

 

Previous MIGRANTI: FERMATA UNA NAVE PER CONTROLLI A LAMPEDUSA
Next SALIHAMIDZIC UN ANNO FA IN VISITA AL RITIRO FC BAYERN U14 IN VALLE DEL CHIESE DA TRE GIORNI E’ IL NUOVO DIRETTORE SPORTIVO DEL PRESTIGIOSO CLUB BAVARESE

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

L’associazionismo spontaneo in rete

di Michele Infante Il ruolo della formazione e della ricerca è anche quello di raccontare la complessità del nostro territorio e dei suoi processi socio-culturali. La ricerca, di cui vorrei

Approfondimenti

“LA CORRUZIONE E GLI APPALTI PUBBLICI”, AD AVELLINO UN CONVEGNO PROMOSSO DAL COMUNE DI CHIUSANO SAN DOMENICO, IN COLLABORZIONE CON L’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO

  Il Centro di Orientamento – Comune di Chiusano San Domenico, in collaborazione con  l’Università degli Studi Giustino Fortunato, organizza per la giornata di Sabato 30 gennaio 2016, alle ore

Approfondimenti

“SENZA USCITA” album d’esordio del power trio alternative rock

«Il disco è frutto di un lungo viaggio tra esperienze personali ed eventi successi negli ultimi anni che hanno coinvolto la nostra società e l’Italia. Situazioni che ci sono sembrate

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi