Pensioni, verso una stretta su quota 100: tre mesi d’attesa in più per lasciare il lavoro

Quota 100 sarà confermata fino alla scadenza di fine 2021, ma potrebbe cambiare. Chi utilizzerà questo canale per lasciare prima il lavoro potrebbe quindi dover aspettare tre mesi in più prima di iniziare a percepire la pensione. E’ infatti questa una delle ipotesi al vaglio dei tecnici in vista della Manovra e che consentirebbe al governo di risparmiare almeno 600 milioni di euro nel 2020 e circa un miliardo a regime.

Come riporta Il Corriere della Sera, l’obiettivo dell’esecutivo è quello di sostituire quota 100 a partire dal 2022 con un sistema flessibile sul modello dell’Ape sociale. Una delle soluzioni è quella prospettata dal senatore Pd, Tommaso Nannicini, che punta sulla possibilità di lasciare il lavoro a 64 anni di età con il ricalcolo contributivo di tutto l’assegno, insieme con l’introduzione di quota 92 per le categorie deboli (disoccupati e altri).

Ad oggi le finestre d’attesa tra la maturazione del diritto e la decorrenza della prestazione sono di tre mesi per i lavoratori del settore privato e di sei mesi per i dipendenti pubblici. Con tre mesi in più, diventerebbero di sei e nove mesi.  Per quanto riguarda l’Ape social e l’opzione donna, verrebbero prorogati anche nel biennio successivo.

Previous Festa M5s a Napoli, il Movimento celebra il suo decennale. Fico: "Mi dispiace per chi non viene". Ruolo da protagonista per il capo del governo
Next CIAMBRIELLO: “CERTEZZA DELLA PENA NELLA QUALITA’. A CHI SBAGLIA VA TOLTO IL DIRITTO ALLA LIBERTÀ E MAI ALLA DIGNITÀ”

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Terremoto in Albania: il bilancio, per ora, è di 13 vittime, 600 feriti e molti dispersi

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha colpito alle 3,54 la costa settentrionale dell’Albania, vicino a Durazzo, si tratta del sisma più potente nella storia recente dell’Albania. Secondo

Qui ed ora

Renzi tra i pensatori globali ma sulla fiducia

Un riconoscimento più sulla fiducia che dovuto ad azioni concrete già realizzate e un incoraggiamento ad andare avanti. Il premier Matteo Renzi è stato inserito nella lista dei “Top 100

Qui ed ora

PROVE  IN CORSO PER  LE  PROSSIME ELEZIONI COMUNALI  

 Sono incominciate le manovre per le elezioni comunali 2016 dopo l’era de Magistris con posizionamenti e preparazione di liste da parte dei fratelli de Magistris, il sindaco e il coordinatore

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi