Persone scomparse, in 6 mesi 7mila denunce: 60mila ancora da rintracciar

Da inizio anno al 30 giugno sono state 6.761 le denunce presentate per persone scomparse. La maggior parte viene poi ritrovata, ma una su quattro va a ingrossare un esercito di “invisibili” che ha raggiunto quota 60mila cittadini. Lo ha reso noto l’ufficio del Commissario di governo per le persone scomparse, precisando che da quando è attivo il sistema di allertamento restano da rintracciare 10mila italiani e 50mila stranieri.

Il 34% delle denunce riguarda donne, il 54% minorenni, e circa la metà stranieri. Il 6%, 431, riguardano anziani. Il 75% soon allontanamenti volontari, lo 0,8% è classificato come sottrazione da parte del coniuge, lo 0,4% come possibile vittima di reato. “Alcuni scompaiono perché vogliono scomparire, altri sono vittime di reato, alcuni sono morti, tutti hanno bisogno di essere cercati”, ha sottolineato il prefetto Giuliana Perrotta, Commissario straordinario per le persone scomparse. “C’è un 25% di casi che non si risolvono” e a oggi “sono 60.641 le persone da rintracciare”; 40mila minori stranieri, le statistiche infatti sono ingrossate dalla mobilità dovuta alle migrazioni. Inoltre, ha spiegato il prefetto, sono 918 i corpi cui dare un nome.

L’ufficio del Commissario ha indetto per il 12 dicembre una giornata dedicata agli scomparsi e una mobilitazione per la ricerca. Pur essendo quello italiano uno dei piu’ efficaci sistemi in Ue, non mancano alcune criticità. Per il pg della Cassazione, Giovanni Salvi, “c’è un problema nelle procure che è insieme organizzativo e di mentalità”. Il capo del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, Fabio Dattilo, ha spiegato che servono linee guida nazionali. Parole chiave, per il capo della Polizia, Franco Gabrielli, sono “formazione e preparazione, no alla bulimia normativa e alla eccessiva burocratizzazione”. Rimane inoltre da migliorare il sistema di localizzazione delle chiamate d’emergenza e la banca dati del Dna

Previous Scuola, inaugurato il Campus dell'Iti Medi. Zinno: "Fiore all'occhiello per tutta l'era metropolitana di Napoli"
Next Usa, Melania Trump contestata dagli studenti

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Scoperta straordinaria nell’area di Civita Giuliana, nella zona Nord fuori le mura del sito archeologico di Pompei, dove erano stati intercettati cunicoli clandestini

L’intervento ha portato alla luce una serie di ambienti di servizio di una grande villa suburbana conservata in maniera eccezionale, dalla quale sono emersi anche diversi reperti (anfore, utensili da cucina,

Approfondimenti

MITI DI NAPOLI: STORIA DEL PALAZZO ZEVALLOS STIGLIANO, CUSTODE DELLE OPERE NAPOLETANE DI CARAVAGGIO

Nel 1688 I Colonna a detenere la proprietà dello splendido palazzo Zevallos Stigliano di Napoli  sorto nel cuore di via Toledo, centro pulsante della città di Partenope. Quella dei Colonna, principi di Stigliano dal 1716,

Approfondimenti

NAPOLI. CIRO ESPOSITO E LA GIUSTIZIA CHE TARDA AD ARRIVARE

Ciro Esposito aveva 29 anni quando è stato ucciso il 3 maggio del 2014 allo Stadio Olimpico di Roma durante la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. Ciro

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi