Pil: Istat rivede stima del Pil al ribasso, debito al top

L’economia italiana nel 2018 è cresciuta dello 0,9% in netto rallentamento rispetto al +1,6% del 2017. Lo comunica l’Istat che, in base ai dati più approfonditi, ha rivisto al ribasso la stima preliminare di un aumento del Pil pari all’1%. Il nuovo dato è inferiore alle previsioni del governo di fine dicembre, che indicavano per il 2018 una crescita dell’economia dell’1%.

Il debito pubblico italiano, salito al 132,1% del Pil nel 2018, è in percentuale al livello più alto mai raggiunto. Lo scorso anno, spiega l’Istat, è infatti stato superato anche il precedente picco del 2014 pari al 131,8%. In base ai dati di Bankitalia, il debito delle pubbliche amministrazioni nell’intero 2018 è aumentato in assoluto di 53,2 miliardi salendo a 2.316,7 miliardi.

Nel 2018 il rapporto tra deficit e Pil si è attestato in Italia al 2,1% in miglioramento rispetto al 2,4% del 2017 anno su cui avevano pesato anche gli effetti dei salvataggi delle banche in crisi. Lo comunica l’Istat in base alle nuove stime aggiornate sull’andamento dell’economia. Le previsioni del governo indicavano a dicembre scorso un deficit per l’anno pari all’1,9% del Pil. Quello del 2018 è il livello più basso dal 2007, quando il deficit si attestò all’1,5% del Pil.

Nel 2018 l’avanzo primario italiano (ovvero il deficit al netto della spesa per interessi) è migliorato, salendo all’1,6% del Pil. Lo comunica l’Istat ricordando che nel 2017 il rapporto era pari all’1,4%

Previous Il Concerto di Pasqua 2019 alla Basilica dello Spirito Santo di Napoli
Next Sanità, De Luca: “Istituto Pascale, vergogna nazionale l’esclusione dai Fondi di Ricerca” Il governatore campano: “decisione incomprensibile”.

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

“LE ISTITUZIONI DEVONO RISCOPRIRE L’IMPEGNO DEL SERVIZIO, NON QUELLO DEL COMANDO”

Sabato c’è stata la visita di Papa Francesco a Napoli. Sono tanti i luoghi della città in cui il Santo Padre è stato, e tante le parole di speranza e

Economia e Welfare

COSTIERA SORRENTINA, BENEDUCE (FI): ECONOMIA IN GINOCCHIO PER VIABILITÀ

“A conti fatti la chiusura delle Gallerie di Varano e Privati nel periodo natalizio ha isolato la Costiera sorrentina provocando danni ingenti all’economia locale; una situazione che si riproporrà alle

Economia e Welfare

Contro lo spreco alimentare, si diffondono anche i frigoriferi collettivi, cene con scarti commerciali e offerte a minor prezzo

Quantità enormi di derrate alimentari, si dice circa un terzo del totale, vengono ogni giorno buttate nella spazzatura. Per evitare che questo continuo spreco di preziose risorse che possono servire

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi