Pompei, città sepolta più viva che mai. Scoperto affresco con combattimento due Gladiatori

Il “Grande progetto Pompei”, avviato dopo i disastrosi crolli del 2010, si sta per concludere con una sorpresa: un nuovo, particolarissimo affresco – molto diverso per stile e soggetto da quelli cui ci ha abituato la bellezza della città sepolta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.  Due gladiatori al termine del combattimento, l’uno vince l’altro soccombe. E’ la scena dell’ultimo affresco rinvenuto a Pompei nell’area di cantiere della Regio V.  Di cui oggi Il Venerdì di Repubblica anticipa nella storia di copertina le prime immagini. ”Si tratta della scena di un combattimento tra un “Mirmillone” e un “Trace”, due tipologie di lottatori distinti da armature differenti e classici avversari nelle lotte gladiatorie”, si legge nel sito del Ministero dei Beni Culturali.

L’affresco di circa 1,12 mt x 1,5mt, rinvenuto in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento, ha forma trapeizodaile, in quanto era collocato nel sottoscala, forse di una bottega. Si intravede al di sopra della pittura, l’impronta della scala lignea. Molto probabilmente decorava un ambiente frequentato da gladiatori, forse una bettola dotata di un piano superiore, destinato ad alloggio dei proprietari dell’esercizio commerciale o come di frequente, soprattutto vista la presenza di gladiatori, destinato alle prostitute.
“Il sito archeologico di Pompei, fino a qualche anno fa, era conosciuto nel mondo per la sua immagine negativa: i crolli, gli scioperi e le file dei turisti sotto il sole. Oggi è una storia di riscatto e di milioni di turisti in più. Oggi è un sito accogliente, ma soprattutto è un luogo in cui si è tornati a far ricerca, attraverso nuovi scavi. La scoperta di questo affresco dimostra che davvero Pompei è una miniera inesauribile di ricerca e di conoscenza per gli archeologi di oggi e del futuro”. Così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turimo, Dario Franceschini che aggiunge: “Due gladiatori al termine del combattimento. Una scoperta senza precedenti degli archeologi di Pompei che per la prima volta dal 79 d. C. scavano in un’area di Pompei mai indagata fino a oggi. Una meraviglia che tutto il mondo ammira”.

“E’ molto probabile che questo luogo fosse frequentato da gladiatori.” – dichiara il Direttore Generale Massimo OsannaSiamo nella Regio V, non lontani dalla caserma dei gladiatori da dove, tra l’altro, provengono il numero più alto di iscrizioni graffite riferite a questo mondo. In questo affresco, di particolare interesse è la rappresentazione estremamente realistica delle ferite, come quella al polso e al petto del gladiatore soccombente, che lascia fuoriuscire il sangue e bagna i gambali. Non sappiamo quale fosse l’esito finale di questo combattimento. Si poteva morire o avere la grazia. In questo caso c’è un gesto singolare che il trace ferito fa con la mano, forse, per implorare salvezza; è il gesto di ad locutia, abitualmente fatto dall’imperatore o dal generale per concedere la grazia. L’ambiente di rinvenimento è solo parzialmente portato in luce – su un lato emerge un’altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura- in quanto lo scavo dello stesso è stato possibile a seguito dell’intervento di rimodulazione dei pendii dei fronti e alla loro messa in sicurezza, che costituisce l’esigenza prioritaria di tutto il cantiere della Regio V”.

Previous Escalation militare in Siria, ucciso il primo soldato turco. Il ministro degli Esteri Di Maio invita lʼEuropa a non accettare i ricatti di Erdogan e ad "agire con una sola voce"
Next Morte Morosini: assolti i tre medici imputati

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

L’Università rimane on line, da Cambridge agli atenei italiani

Non solo on line, ma prevalentemente sul web. È questo il futuro, almeno per il prossimo anno accademico, delle università di tutto il mondo. A fare il primo passo è stata

Cultura

IL TEATRO MUTAVERSO APRE LA STAGIONE 2018 CON LO SPETTACOLO “IL CANTICO DEI CANTICI”

La Stagione 2018 Mutaverso Teatro, giunta alla terza edizione, diretta da Vincenzo Albano/Erre Teatro, in scena all’Auditorium Centro Sociale (in via Cantarella 22, Pastena) venerdì 19 gennaio alle ore 21, inizia con uno spettacolo

Cultura

Morto l’attore Carlo Delle Piane. Aveva 83 anni

E’ morto a Roma all’età di 83 anni Carlo Delle Piane. Ne dà notizia la moglie, Anna Crispino. L’attore aveva da poco festeggiato i 70 anni di carriera, durante i quali

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi