Pompei. La Casa del Criptoportico ospita “Expanded Interiors”

“Expanded Interiors” è il progetto interdisciplinare dell’artista visiva Catrin Huber che sarà ospitato all’interno della Casa del Criptoportico, nell’area archeologica di Pompei, fino  al 15 gennaio 2019.

Nel percorso espositivo, la pittura parietale e i manufatti di epoca romana rinvenuti nei siti Unesco di Pompei e Ercolano, vengono reinterpretati in chiave contemporanea, attraverso due installazioni originali che dialogano con gli affreschi parietali romani.

La prima installazione giustappone al ciclo pittorico del corridoio sotterraneo del Criptoportico il colonnato dipinto di Catrin Huber, in cui la superficie decorata è un caleidoscopio di colori ritmati, che ricrea architetture reali e illusionistiche. Attraverso l’incorporazione di repliche di oggetti romani di uso quotidiano, come lampade a olio e vasi da toeletta, Huber collega il mondo romano a quello contemporaneo, in una nuova forma di design.

La seconda installazione dialoga con il complesso termale della Domus, con i suoi affreschi dai  compositi disegni architettonici, ricchi di rimandi illusionistici. La pittura contemporanea, di rimando, risponde con un gioco complesso di spazio 2D e 3D, pareti aperte e chiuse, spazio interno ed esterno e spostamenti prospettici.Pompei. La Casa del Criptoportico ospita “Expanded Interiors”

Previous CULTURA: GALLO (M5S), FINALMENTE PIU’ RICERCA E MENO PRECARIATO
Next NAPOLI , LE PAROLE DI DIAWARA :" ANCELOTTI E' UN ALLENATORE FANTASTICO ! CI TRASMETTE UNA MENTALITA' VINCENTE "

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

NAPOLI , PRESSO IL TEATRO SANNAZARO E’ DI SCENA IL CONCERTO “ETNOFUNK”

Mercoledì 21 febbraio alle ore 21 presso il Teatro Sannazaro è di scena “Etnofunk”, il concerto di Ciccio Merolla organizzato dalla Jesce Sole in collaborazione con il Teatro Sannazaro, che si

Cultura

La rivoluzione della Cina: la libreria fatta di specchi e libri

La Cina stupisce il mondo con una libreria fatta di specchi nel quartiere di Binjiang, vicino al fiume Qiantang che valica la città. La libreria increspata di libri è già

Cultura

IoCiSto: a Napoli la prima libreria ad azionariato popolare

Le grandi cose, si sa, spesso vengono fuori inaspettatamente. Ed ecco che, quasi per gioco, un giornalista napoletano provoca il popolo del web dopo la chiusura delle celebri librerie del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi