Precari Napoli, non valiamo 30 euro

La vita di un ragazzo non può valere 30 euro. Noi non valiamo 30 euro. Questo lo slogan scandito dai partecipanti al sit-in di protesta a Napoli davanti alla Direzione territoriale del Lavoro all’indomani della morte del 22enne Salvatore Caliano caduto da un lucernario che si era prestato a pulire con l’intenzione di aggiungere quei pochi euro alla sua paga di barista.
Gli organizzatori dell’iniziativa, appartenenti al movimento Napoli Direzione Opposta che raccoglie varie sigle di precari e attivisti, hanno esposto uno striscione e distribuito volantini.
”Nel 2018 sono già 350 i morti sul lavoro – ha raccontato al megafono uno dei partecipanti – e’ l’ora che tutti si attivino contro precarietà e lavoro nero lo stesso che Salvatore, pochi giorni fa, ha accettato salendo su quel lucernario senza garanzie e senza protezioni. Non si può morire a 20 anni per 30 euro”.

ANSA

Previous Universiadi: Malagò, progetto va avanti
Next Cetara e la magia della Notte delle Lampare

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

SIRIA: SONO STATI LANCIATI DEI MISSILI CONTRO AEREI ISRAELIANI NELLO SPAZIO AEREO LIBANESE

Missili siriani sono stati lanciati contro aerei israeliani che operavano ieri nello spazio aereo libanese: lo riferisce la tv israeliana Canale 10 sulla base di informazioni giunte dalla Siria, ma

Qui ed ora

NAPOLI: UNA TENTATA RAPINA FINISCE IN UN DUPLICE ACCOLTELLAAMENTO

Tentativo di rapina sfociato in un duplice accoltellamento la scorsa notte a Napoli dove due fratelli, di 29 e 20 anni, quest’ultimo gravemente ferito all’addome, sono finiti in ospedale. Situazione

Qui ed ora

Berlusconi: “mi impegno per il nostro comune futuro, cambiamo l’Italia per garantire a tutti benessere, sicurezza, giustizia, e libertà”

“Grazie dal profondo del cuore a tutti: le migliaia di messaggi augurali che ho ricevuto mi hanno commosso, e mi hanno ripagato di molte amarezze. Considero i vostri auguri una

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi