Precari Napoli, non valiamo 30 euro

La vita di un ragazzo non può valere 30 euro. Noi non valiamo 30 euro. Questo lo slogan scandito dai partecipanti al sit-in di protesta a Napoli davanti alla Direzione territoriale del Lavoro all’indomani della morte del 22enne Salvatore Caliano caduto da un lucernario che si era prestato a pulire con l’intenzione di aggiungere quei pochi euro alla sua paga di barista.
Gli organizzatori dell’iniziativa, appartenenti al movimento Napoli Direzione Opposta che raccoglie varie sigle di precari e attivisti, hanno esposto uno striscione e distribuito volantini.
”Nel 2018 sono già 350 i morti sul lavoro – ha raccontato al megafono uno dei partecipanti – e’ l’ora che tutti si attivino contro precarietà e lavoro nero lo stesso che Salvatore, pochi giorni fa, ha accettato salendo su quel lucernario senza garanzie e senza protezioni. Non si può morire a 20 anni per 30 euro”.

ANSA

Previous Universiadi: Malagò, progetto va avanti
Next Cetara e la magia della Notte delle Lampare

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Addio all’ultimo gentiluomo della tv italiana

Paolo Limiti, nato a Milano 77 anni fa, si è spento nella sua casa milanese. Autore dagli anni 60 di numerose trasmissioni televisive, una su tutte il Rischiatutto di Mike Bongiorno,

Qui ed ora

DOMANI GIANLUCA DANIELE(PD) E DE MAGISTRIS, SI INCONTRANO AL CENTRO DIREZIONALE

Il gruppo di Area Riformista del Pd di Napoli conferma il sostegno al ballottaggio per Luigi de Magistris e ne ribadisce le motivazioni, insieme alle critiche per la gestione del

Qui ed ora

I Campi Rohingya: al Limite della Sopportazione

Dallo scorso agosto, almeno 700.000 rohingya, (I Rohingya sono un gruppo di fede musulmana che risiede principalmente in Myanmar nello stato di Rakhine, al confine con il Bangladesh e fanno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi