Prendono la laurea dopo 150 anni: la vittoria delle prime studentesse di Medicina

Alla fine ce l’hanno fatta a laurearsi, ma non potranno mai saperlo. Le prime studentesse di Medicina britanniche del Regno Unito hanno conseguito il titolo 150 anni dopo aver frequentato l’Università di Edimburgo. Le chiamavano le «Edinburgh Seven»: furono tra le prime donne ad essere ammesse ad un’università in Gran Bretagna. Volevano diventare medici, e cominciarono a frequentare i corsi universitari nel 1869.

Ma una forte pressione da parte dei loro coetanei maschi ha impedito alle sette studentesse, Mary Anderson, Emily Bovell, Matilda Chaplin, Helen Evans, Sophia Jex-Blake, Edith Pechey e Isabel Thorne, di laurearsi e diventare dottoresse.

Sophia Jex-Blake aveva coraggiosamente presentato una petizione, per affermare il diritto delle donne a frequentare le lezioni di Medicina. Il suo appello (purché l’accesso fosse limitato a Ostetricia o Ginecologia) venne sostenuto e, almeno sulla carta, venne permessa alle donne l’iscrizione all’università. Ma i membri della facoltà e gli studenti, all’epoca tutti maschi, decisero che uomini e donne dovessero frequentare le lezioni separatamente. Un’operazione che sarebbe stata troppo costosa: la decisione di ammettere le donne fu annullata.

La redazione dello Scotsman, però, pubblicò tutta la vicenda sul giornale, incoraggiando le donne a presentare domanda: presto si formò una classe di sette aspiranti studentesse. Che dovettero affrontare ostacoli incredibili. Le loro tasse, per esempio, erano più alte rispetto a quelle per gli uomini e la loro classe era valutata in modo diverso.

Anche gli studenti maschi le discriminavano apertamente, chiudendo loro le porte in faccia e comportandosi in modo aggressivo. Una volta, prima di un esame, gli uomini cercarono di impedire alle compagne di entrare nella stanza in cui dovevano essere valutate, colpendole con fango e oggetti. Spinsero addirittura una pecora viva nell’aula, mentre le studentesse stavano sostenendo l’esame.

Imperturbabile, nonostante le fosse stato impedito di laurearsi, Jex-Blake si trasferì a Londra, dove contribuì a fondare la London School of Medicine for Women e focalizzò l’attenzione sul problema: in questo modo, nel 1877 si giunse alla legge che garantiva alle donne il diritto di studiare all’università.

«Siamo lieti di poter conferire i meritatissimi titoli di studio a questo incredibile gruppo di donne», ha dichiarato Peter Mathieson, preside e vicecancelliere dell’Università di Edimburgo. «La segregazione e la discriminazione che le “Edinburgh Seven” hanno dovuto affrontare dovrebbero ormai appartenere alla storia, ma esistono ancora delle barriere che dissuadono troppe giovani di talento a ultimare l’università. Dobbiamo imparare da queste donne e cercare di ampliare l’accesso a tutti coloro che hanno il potenziale per avere successo».

Gli attestati di laurea postumi sono stati consegnati a sette studentesse iscritte alla facoltà di Medicina di Edimburgo.

Previous Mertens: "Dopo sette anni qui, mi sento napoletano, la lotta per il titolo è più aperta, non si possono perdere punti"
Next Usa, il premio Oscar Attard crea videogame per curare bambini con problemi motori

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

AL TAN DI NAPOLI, IL QUARTO INCONTRO DEL “CAFFÈ LETTERARIO SCAMPIA”

Questpomeriggio, alle ore 16.45, presso il T.A.N. Teatro Area Nord, Centro Polifunzionale di Piscinola in Via Nuova Dietro La Vigna 20, Napoli, si terrà il  quarto incontro del XII ciclo

Cultura

PERCHE’ A VOLTE L’UNICA VIA E’ LA FUGA- GIOVANNA DONNARUMMA ALL’ETRA HOME GALLERY DI NAPOLI

Si riaprono le porte di Etra, la Home Gallery dedicata alle artiste del Sud, a pochi passi dal settecentesco Real Albergo dei Poveri, che ospiterà Perché a volte l’unica via è

Cultura

A teatro con gusto: Napoli tra musica e parole

E si arricchisce di un nuovo appuntamento il programma di eventi serali organizzate dall’associazione culturale Insolitaguida Napoli per far apprezzare (e talvolta conoscere) la tradizione e la cucina napoletana. E’ di scena,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi