PRESSO IL NUOVO TEATRO SANCARLUCCIO SI TERRA’ LO SPETTACOLO “A-MEDEO”

 Sabato 14 (ore 21:00) e domenica 15 aprile (ore 18:00), presso il Nuovo Teatro Sancarluccio si terrà A-Medeo di Marina Cioppa e Michele Brasilio con Stefania Remino e Antimo Navarra per la regia di Michele Brasilio.

SINOSSI:
L’opera viaggia attraverso lo studio di alcuni personaggi di Eduardo De Filippo; in particolar modo concentrandosi sulla figura dei figli. Partendo dal concetto che un attore quando sale sul palcoscenico “uccide” la persona che è per far vivere un personaggio che non esiste se non esclusivamente sulla scena. La volontà dell’opera è dunque quella di rivendicare la paternità artistica del maestro. I lavori di De Filippo si innestano su un gioco fatto di luci e immagini che riescono a dare voce ai silenzi. L’autore si serve così di commedie quali “Mia famiglia”, “ Filumena Marturano”, “Bene mio, core mio”, “Gennareniello” , “Sabato, domenica e lunedì”, “L’abito nuovo”, “Napoli milionaria”, “Natale in Casa Cupiello” in cui la presenza dei figli è determinante per lo svolgimento dell’opera stessa e il riconoscimento degli altri personaggi. La modernità degli anni 2000 ha portato a numerosi cambiamenti immaginabili, ma nonostante questo per tutte le madri “i figli sò figl e sono tutti uguali”. L’autore seppur giovane entrando in punta di piedi ha voluto così analizzare quella che è la raffinata e forse ineguagliabile drammaturgia di Eduardo immaginando di essere lui stesso un suo figlio e cambiando così la prospettiva di scrittura che è quella di un figlio che osserva, analizza e forse arriva a comprendere la figura del padre, spesso fatta di errori e mancanze, piuttosto che l’inverso. E’ un testo particolare, introspettivo, che volutamente ha un finale aperto; lo spettatore deve sentirsi libero di immedesimarsi o meno nella figura di un genitore quanto di un figlio, e di odiare quanto comprendere certe scelte che inevitabilmente rientrano in una soggettività e una sfera intima in cui l’autore non vuole , non può entrare fino in fondo. La scelta degli attori non è casuale si è volutamente pensato a due giovani artisti la cui caratteristica primaria è la passionalità e la naturalezza scenica che, secondo l’autore e il regista, è fondamentale per un testo come questo. Il testo è originale. (VulìeTeatro)

 

NOTE DI REGIA: Abbiamo preso in esame i figli nelle opere di eduardo e il progetto era quello di farli essere protagonisti, di dar loro il fiato che avrebbero voluto, forse. Il testo, che inevitabilmente si avvale di citazioni eduardiane, cerca di mantenere uno sguardo  contemporaneo in cui reale e surreale si alternano e quasi si confondono. La regia cerca di vivere i pensieri o forse solo di rievocarli.(Michele Brasilio)

Previous ISTAT , DIMINUZIONE DEL TASSO DI DISOCCUPAZIONE
Next PD, Martina apre l' assemblea dei parlamentari dem, in vista del secondo giro di consultazioni

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

La gloria dell’ombra: apparizioni della fotografia

Spazio Zero11, laboratorio delle mostre del Liceo Artistico de Chirico di Torre Annunziata, continua il suo percorso nei territori dei linguaggi dell’arte contemporanea, indicando nella ricerca di cinque autori una

Cultura

Tre nuove opere arricchiscono la collezione Valenzi!

Sabato 6 maggio dalle ore 11:00, all’interno del Maschio Angioino nella sala adiacente la sede della Fondazione Valenzi , verrà presentata la mostra “Da Guttuso a Matta “, con una

Cultura

Spot d’amore per la Natura della Basilicata. Esce “Infinito sei” , il nuovo singolo di Shara registrato tra Budapest e l’Italia

“Infinito sei“, registrato tra Budapest e l’Italia,  è il nuovo singolo della cantautrice Shara, primo brano diffuso con l’etichetta indipendente Suono Libero Music di Nando Misuraca, e vuole essere uno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi