PRIMA DOMENICA DEL MESE, MUSEI GRATIS: ANCORA BOOM DI VISITATORI

Oltre 30 milioni di visitatori per il Colosseo, 16 mila 500 a Pompei, quasi 10 mila alla Reggia di Caserta. Si ha  ancora una volta il pienone la domenica gratuita dei musei pubblici. Lo annuncia il ministero guidato da Dario Franceschini, che riporta, alla fine di questa prima domenica di luglio, numeri significativi di visitatori in tantissimi luoghi della cultura dell’Italia, dai musei e siti archeologici statali ai tantissimi musei civici che aderiscono alla fantastica iniziativa. A Firenze è pienone di turisti  ovunque, con i 7.500 visitatori degli Uffizi a cui si aggiungono gli oltre 10 mila del Giardino di Boboli, gli 8.222 della Galleria dell’Accademia, gli oltre 8 mila della Galleria Palatina. A Roma, oltre 6100 per il Castel Sant’Angelo, mentre sempre nella provincia della capitale in 5.675 hanno preso di mira  Villa d’Este a Tivoli. Mentre  a Sirmione, in Lombardia quasi 4500 persone hanno visitato la splendida Rocca Scaligera di Sirmione. A Napoli, 3.897 visitatori per Capodimonte e 7.495 nel Real Bosco. Questi i numeri da record che lasciano a bocca aperta.

Previous CONFEDERATIONS CUP , CILE-GERMANIA :0-1 . DECIDE LA RETE DI STINDL CHE REGALA IL TROFEO AI TEDESCHI
Next VERTICE A PARIGI SUL TEMA DEI MIGRANTI.MINNITI:"LA PARTITA DELL'IMMIGRAZIONE SI GIOCA FUORI DAI CONFINI NAZIONALI."

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

LE RICETTE NAPOLETANE : UN MIX TRA CUCINA E TRADIZIONE .

La cucina Napoletana ha origini antichissime con una sterminata varietà di piatti sia a base di pesce, uno degli ingredienti più utilizzati nei piatti tipici partenopei, sia di carne, verdure

Cultura

Dal premier Conte ai leader sindacali, le reazioni allo sciopero dei giornalisti ANSA

Dal mondo della politica a quello delle istituzioni ai sindacati sono molte le prese di posizione a sostegno dell’iniziativa dell’assemblea dei giornalisti che ha indetto due giorni di sciopero e lo

Cultura

I VICOLI DI CARAVAGGIO E DI RIBERA. VIAGGIO TRA I VICOLI DI UNA NAPOLI CHE SI FA STORIA

Nel budello scuro del Cerriglio, tra chiese abbandonate, vicoli puteolenti e palazzi nobiliari in rovina, si possono ancora vedere nei volti dei popolani, oramai mischiati agli extracomunitari in un coacervo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi