Procida: ennesima violenza ai danni di una donna, un uomo picchia la compagna incinta

Ennesima violenza ai danni di una donna, e’ successo a Procida dove un uomo picchia la compagna incinta e il feto muore: è successo a Procida (Napoli) dove i carabinieri hanno arrestato e portato in carcere un 45enne con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e interruzione di gravidanza. Le violenze si sono verificate nella tarda serata, ma sono state molto violente.

L’uomo, un incensurato, G.M.D.S. ha aggredito e violentemente picchiato la compagna incinta, una 38enne, anche lei di Procida causandole la morte del feto che portava in grembo da 20 settimane. La donna ha chiamato il 112 e i carabinieri prontamente accorsi sul posto, in via Giovanni da Procida, l’hanno soccorsa allertando i sanitari e fermando l’uomo che poi, nella notte, è stato arrestato e portato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un fatto brutale che macchia la societa’ e la rende vergognosa, perché continuano a morire donne innocenti per mezzo di uomini violenti che non sanno cosa sia l’amore.

Previous Rifiuti su Vesuvio nel giorno di pasquetta , giovani in azione per pulire
Next Sul web la paura del pianeta Nibiru il  prossimo 23 aprile 2018, ma è l'ennesima bufala

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

IL COMMENTO DEL PD DI TORRE ANNUNZIATA ALL’ARRESTO DI CARMELA GIONTA

Il Partito Democratico intende esprimere viva felicitazione per l’ennesimo importante risultato conseguito da magistratura e Forze dell’Ordine nella lotta alla criminalità organizzata locale. L’arresto eccellente dei giorni scorsi è la

Qui ed ora

A BENEVENTO, AL TEATRO MASSIMO, UN “CONCERTO A CINQUE STELLE”

Si svolgerà venerdì primo aprile, alle ore 21,00, presso il Teatro Massimo a Benevento, il “Concerto a Cinque Stelle Cambia musica, idee, suoni e visioni per la rinascita civica”. Il

Qui ed ora

NAPOLI: PRINCIPIO DI INCENDIO NEGLI UFFICI AMMINISTRATIVI DELLA FEDERICO II. IL RETTORE. ” E’ UN FATTO GRAVISSIMO”

Un  inizio di incendio, di natura dolosa, è divampato  negli uffici amministrativi dell’università “Federico II” di Napoli. Secondo quanto si apprende è stato un impiegato ad aver ritrovato un innesco:

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi