PROGETTO PERIPLO DELLA RETE CAMPANA: MIGLIORA IL RAPPORTO PAZIENTI E ONCOLOGI

La creazione del progetto Periplo sulle reti oncologiche regionali. Un progetto in fase avanzata in Campania, Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Liguria, Puglia e nella provincia autonoma di Trento in cui sono stati già strutturati percorsi avanzati con vantaggi, rispetto alle regioni che sono rimaste al palo, ben visibili. Dove la rete oncologica ha preso il via, i pazienti colpiti dal cancro possono accedere alle cure migliori, senza spostarsi dal proprio domicilio, con trattamenti uniformi sul territorio ed evidenti sinergie e meno sprechi di risorse per il sistema sanitario.Si prevede maggiore, omogeneità, migliore qualità dell’assistenza e delle cure grazie a un più facilitato utilizzo dei farmaci innovativi, diminuzione delle migrazioni tra le regioni, soprattutto dal Sud al Nord, riduzione delle liste d’attesa, aumento della sopravvivenza e delle guarigioni.

Previous SERIE A , TRE PUNTI DI PENALIZZAZIONE AL CHIEVO
Next FERMARE L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA ?COME ,DOVE ,QUANDO E PERCHE'

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

BARRIERA AL BRENNERO, DE MONTE(PD):”STOP UE ALL’AUSTRIA CONFORTA, ERA UNICA SCELTA POSSIBILE”

“Lo stop alla costruzione della barriera al Brennero da parte dell’Austria è una notizia confortante: è la decisione giusta ed era l’unica che l’Ue potesse sostenere”. Lo afferma l’europarlamentare del

Qui ed ora

MAXI ATTACCO INFORMATIVO IN TUTTO IL MONDO . EUROPOL :” SERVE INDAGINE “

Allarme dell’Europol per il maxi attacco hacker che ha interessato tutto il mondo. Intanto, secondo quanto riferisce la BBC online, salgono a 99 i paesi colpiti dall’attacco pirata informatico e

Qui ed ora

Edilizia Pubblica in Campania: contrastare il “nulla” espresso dalla Giunta Regionale

di Vincenzo Acampora Da vari anni la Regione Campania non promuove più una politica per l’edilizia pubblica, in questo modo anche un altro importante ramo dello stato sociale si sta

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi