PROGETTO PERIPLO DELLA RETE CAMPANA: MIGLIORA IL RAPPORTO PAZIENTI E ONCOLOGI

La creazione del progetto Periplo sulle reti oncologiche regionali. Un progetto in fase avanzata in Campania, Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Liguria, Puglia e nella provincia autonoma di Trento in cui sono stati già strutturati percorsi avanzati con vantaggi, rispetto alle regioni che sono rimaste al palo, ben visibili. Dove la rete oncologica ha preso il via, i pazienti colpiti dal cancro possono accedere alle cure migliori, senza spostarsi dal proprio domicilio, con trattamenti uniformi sul territorio ed evidenti sinergie e meno sprechi di risorse per il sistema sanitario.Si prevede maggiore, omogeneità, migliore qualità dell’assistenza e delle cure grazie a un più facilitato utilizzo dei farmaci innovativi, diminuzione delle migrazioni tra le regioni, soprattutto dal Sud al Nord, riduzione delle liste d’attesa, aumento della sopravvivenza e delle guarigioni.

Previous SERIE A , TRE PUNTI DI PENALIZZAZIONE AL CHIEVO
Next FERMARE L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA ?COME ,DOVE ,QUANDO E PERCHE'

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

GIUNTA REGIONALE: E’ TRIONFO FEMMINILE, DE LUCA EMARGINA I POLITICI

Sono passati 36 giorni dalla vittoria di Vincenzo De Luca come Presidente della Regione Campania ed ecco che arrivano le prime notizie sulla composizione della nuova giunta. Prima ancora dell’insediamento,

Qui ed ora

SPACCIO DROGA CHE AVVENIVA 24 ORE SU 24 TRA VOLLA CERCOLA E SAN GIORGIO A CREMANO

I Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare tra Volla, Cercola e San Giorgio a Cremano nei confronti di quattordici indagati ritenuti responsabili, di

Qui ed ora

Domani incontro a Capua sul Referendum Costituzionale

Domani a Capua, alle ore 18:30, presso il Palazzo Fazio in Via Seminario a Capua, si terrà un incontro-dibattito sul referendum costituzionale del 4 dicembre, organizzato dal comitato “inSIeme cambiamo”per

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi