PSR AL CENTRO, A CERVINARA IN PROVINCIA DI AVELLINO, UN CONVEGNO SUL TEMA

Si è tenuto lo scorso mercoledì, 17 febbraio, nell’aula consiliare del Comune di Cervinara, in provincia di Avellino, un convegno sul Piano di sviluppo rurale per le annualità 2014-2020.

È stata l’occasione per parlare di giovani, innovazione, sviluppo sostenibile e opportunità per le aree interne.

Organizzato dal giornale Il Caudino, in collaborazione con la presidenza del Consiglio Regionale della Campania nella persona del presidente Rosetta D’Amelio, l’incontro ha visto anche protagonisti Corrado Martinangelo, della segreteria particolare del ministro per le Politiche Agricole e delegato per l’Agricoltura del presidente della Giunta Regionale della Campania e Claudio Ansanelli, dirigente Uod (Unità operativa dirigenziale) del Servizio territoriale provinciale Avellino. I due, specialisti del settore, hanno illustrato Il programma di sviluppo rurale per la Campania che mette a disposizione oltre 1,8 miliardi di euro di risorse pubbliche attivando, così, investimenti complessivi per circa tre miliardi.

image

 

 

Il PSR si concentra sul miglioramento della competitività dell’agricoltura, sulla salvaguardia, sul ripristino e sulla valorizzazione degli ecosistemi. Il primo obiettivo potrà disporre del 37% delle risorse. Circa quattrocento aziende agricole, (compresi i giovani agricoltori) beneficeranno di un sostegno per migliorare i propri risultati economici e ristrutturare e modernizzare le proprie aziende. Oltre mille giovani agricoltori, potranno beneficiare di aiuti concessi per l’avviamento di imprese agricole.

Circa sessantamila ettari saranno tutelati mediante contratti di gestione ambientale del territorio e migliaia di ettari di terreni agricoli riceveranno sostegno per il passaggio o il mantenimento dell’agricoltura biologica.

Infine, i progetti di diversificazione economica e di sviluppo locale creeranno circa duecentonovanta nuovi posti di lavoro e il 25% della popolazione rurale potrà accedere a migliori infrastrutture per le tecnologie di informazione e comunicazione (TIC) e a banda larga.

Sono intervenuti, dando il loro valido contributo, l’onorevole Erasmo Mortaruolo, vicepresidente dell’ottava commissione consiliare permanente Agricoltura, Caccia, Pesca, Risorse comunitarie e statali per lo sviluppo, Costantino Caturano, direttore del Consorzio Gal Taburno, Luca Beatrice, Presidente del Gal Partenio e Vanni Chieffo, Presidente del Gal Irpinia.

A fare gli onori di casa, il sindaco di Cervinara, Filuccio Tangredi ed il direttore de Il Caudino, Alfredo Marro. I lavori, la cui conclusione è stata affidata al presidente del consiglio regionale, Rosa D’Amelio, sono stati coordinati dal giornalista, Pasquale Marro.

 

 

Previous NOSTALGIA DI MIKE
Next DUE SCONFITTE NON FANNO UNA PROVA, MA NON VANNO IGNORATE

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

I nuovi lavori del futuro: il 2018 sara’ all’insegna del Digital Work

I LAVORI DEL FUTURO RISPONDONO DIGITALE   Le figure lavorative ricercate per il 2018 rispondono in nome della tecnologia e tutti da grandi e piccini dovranno adattarsi alle nuove esigenze

Approfondimenti

Il meglio e il peggio di tutta l’Italia nel rapporto OCSE

Sorpresa sorpresa. Pensavate che Lombardia e Piemonte fossero le regioni in cui si sta meglio? O forse che il titolo di “regione più vivibile d’Italia” spettasse al Centro, magari alla

Approfondimenti

Dal sottosuolo divora, ancora una volta

Non solo “terra dei fuochi”, verrebbe da pensare. O almeno, questa terra di cui tanto si è parlato e si parla ancora non è solo quella che credevamo. C’è di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi