Questione di sicurezza o di civiltà?

Ancora una volta, ancora la Vesuviana. Oggi pomeriggio un treno diretto a Sorrento, pieno di pendolari e di turisti è stato colpito dal lancio di sassi di cui uno si è infranto contro un vetro, non riuscendo ad infrangerlo. Stava ripartendo dalla stazione di Miglio d’Oro, quel treno che, partito da capoluogo partenopeo, arrivava alla costiera sorrentina attraversando l’intera provincia sud di Napoli. Attimi di paura, anche se la corsa ha continuato verso la meta.

Non è la prima volta che accade qualcosa simile. Lungo la tratta della ferrovia che percorre più dell’intera provincia di Napoli si sono verificati altri episodi simili, caratterizzati da eventi più tragici con persone ferite.

Sembra un bollettino di guerra, un’escalation senza fine che pone seri interrogativi sia sul piano della sicurezza che della civiltà. Pendolari sofferenti per la carenza di mezzi pubblici costretti a corse a singhiozzo e col rischio di restare feriti per un gioco assurdo. Turisti terrorizzati da eventi che sembrano riproporre momenti di guerriglia urbana, in una sorta di moderno assalto alla diligenza.

Stazioni in balia di teppisti o ridotte a covo di tossici. Torna prepotente la questione trasporti, anche sulla scorta di episodi simili.

In un territorio esteso e denso che supera i 3 milioni di abitanti, con un problema reale di mobilità delle persone e dei flussi turistici, ci ritroviamo con la Circumvesuviana che cammina a singhiozzo, la tratta ferroviaria Napoli-Salerno interrotta a Portici dopo il crollo di Villa d’ Elboeuf e la metropolitana della linea1 che si è scoperta essere la più lenta d’Italia (e d’Europa no?) per un treno ogni 14 minuti a fronte di un treno ogni 4 minuti a Milano.

Il Governatore della Campania e l’assessore regionale al turismo provano a rilanciare la regione sul piano internazionale, non riuscendo, però, a fornire le risposte alle esigenze più elementari che una città moderna dovrebbe offrire.

Tempo fa riproponemmo il “Sogno di Cascetta”. Oggi resta l’utopia dei campani.

Previous Fondo Sanità: per la Campania 10 miliardi e un’importante novità
Next La Caritas di Napoli non va in vacanza

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

India: treno su folla, il bilancio sale a 60 morti e 50 feriti

E’ salito ad almeno 60 morti e 50 feriti il bilancio delle vittime dell’incidente in cui ieri sera un treno ha travolto nel nord dell’India una folla di persone che

Qui ed ora

“Guilty”: Paul Manafort, l’ex capo della campagna elettorale di Donald Trump, si e’ dichiarato colpevole in tribunale

“Guilty”: Paul Manafort, l’ex capo della campagna elettorale di Donald Trump, si e’ dichiarato colpevole in tribunale dopo aver raggiunto un accordo di collaborazione con il procuratore speciale del Russiagate

Qui ed ora

CASO BELARDINELLI, INDAGINE CHE RISERVA COLPI DI SCENA

“Sarà un’indagine che riserverà colpi di scena: i miei clienti sono innocenti, non hanno investito Berlardinelli: la Volvo sequestrata, sulla quale viaggiavano, era una delle prime auto facenti parte la

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi