QUESTIONE MIGRANTI, LA MSF SOSPENDE OGNI ATTIVITA’ DAVANTI LA LIBIA .DE FILIPPIS:” MSF RIMANE FERMA NELLA CONVINZIONE DI NON POTER FIRMARE IL CODICE”

Msf decide di sospendere al momento l’attività davanti alla Libia. Lo comunica la Ong che la sospensione viene dopo  la decisione della Libia di istituire una zona Sar, per cui si legge  in  una nota che “limitando l’accesso delle Ong in acque internazionali” e ad un “rischio sicurezza” segnalato dal Mrcc “dovuto a minacce della guardia costiera libica”. Verrà dunque  fermata la nave Prudence, mentre “l’équipe medica di Msf continuerà a dareaiuto a bordo della nave Aquarius di Sos Mediterranee“.

In merito a tale decisione , si è  espresso Loris De Filippi,  presidente di Medici senza frontiere Italia: “I recenti sviluppi nel Mediterraneo mostrano che il codice di condotta è parte di un disegno più ampio che intende sigillare la costa libica e intrappolare migranti e rifugiati in Libia, gettando via la chiave. Queste azioni stanno chiaramente dimostrando la vera ambizione delle autorità italiane ed europee: limitare l’attività degli attori di ricerca e soccorso indipendenti e concentrare tutti gli sforzi nel riportare le persone in Libia. Per questi motivi Msf rimane ferma nella propria convinzione di non poter firmare il Codice“.  De Filippis, continuando afferma che “Rispetto alla decisione di Sos Mediterranee di firmare il codice, stiamo discutendo la nostra partnership con l’organizzazione. Al momento la nave Aquarius, gestita in collaborazione con Msf, sta navigando in acque internazionali dove continua a portare avanti le proprie attività di pattugliamento e ricerca e soccorso”. 

Previous DE LUCA :"LA NOSTRA LEGGE REGIONALE E'RIGOROSAMENTE CONTRO OGNI ABUSIVISMO E NON PREVEDE NE' CONDONI NE' SANATORIE "
Next COPPA ITALIA : SCONFITTE PER BENEVENTO E SALERNITANA

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Milano, bambini legati e morsi, 2 arresti nell’asilo nido dell’orrore

I Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno tratto in arresto in flagranza un 35enne e una 34enne, italiani ed incensurati, rispettivamente il titolare e la coordinatrice di un asilo

Qui ed ora

Altri tagli al Sud, ma il Paese non doveva ripartire dal Mezzogiorno?

Ci risiamo, sempre la stessa storia. Il Sud è un’altra volta penalizzato rispetto al Nord. Secondo l’ultimo studio Svimez, in collaborazione con Irpet, è questa la fotografia che descrive l’Italia

Qui ed ora

Boom di scuole occupate in Italia

Come ogni anno, nell’ultima decade di novembre, si avviano le occupazioni di buona parte degli istituti superiori italiani. Mobilitazioni che  si registrano da Bologna a Firenze, Torino, Vicenza, Rieti, Messina,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi