Quinta Municipalità, Peluso (M5S): “Coppeto non conosce il regolamento. Contro “rimborsi facili” ai consiglieri presento esposto a Prefettura”

“Coppeto si è scomodato dall’intervenire in merito alla mia denuncia sull’illegittimità del Consiglio della Quinta Municipalità di Napoli. Forse il presidente non conosce il regolamento e nel rispondere alle mie segnalazioni commette un errore da principiante, confondendo un articolo per un altro”.

 

Lo afferma Mariano Peluso, consigliere M5S della V Municipalità di Napoli Arenella Vomero. Peluso, dopo aver presentato un esposto alla Polizia Municipale per denunciare che, durante la seduta del Consiglio datata 23 giugno, “il presidente Mario Coppeto ha atteso l’arrivo di tutti i ritardatari prima di verificare il numero legale e cioè 45 minuti dopo il limite massimo consentito”, violando l’articolo 37 del regolamento interno del Consiglio della Quinta Municipalità, scrive nuovamente al segretario generale del Comune di Napoli per ribadire che i chiarimenti del presidente di Municipalità non sono sufficienti a legittimarne la seduta. Sarebbe illegittimo, quindi, il versamento del gettone di presenza e della retribuzione ai consiglieri che hanno un lavoro dipendente.

 

“Per il presidente si è in linea con l’articolo 35 del Regolamento, che impone la presenza di almeno 18 consiglieri per rendere valida la seduta. Questo è il suo chiarimento – prosegue Peluso -, eppure nel mio esposto ho evidenziato che la violazione riguarda un articolo differente, il 37, che sancisce che “se il numero legale necessario per la validità della seduta di prima convocazione non è raggiunto entro un’ora da quella fissata nell’avviso, la seduta è dichiarata deserta”. Su questo punto, Coppeto non ha scuse di fronte all’evidente scorrettezza: pur di far scattare i rimborsi ai consiglieri si finisce per violare palesemente il regolamento”.

 

Sulla vicenda, Peluso ha annunciato che presenterà un esposto anche alla Prefettura di Napoli.

Previous SANTE E SANTI: QUALE SENSO?
Next La Salernitana si aggiudica il derby con l'Avellino. 3 a 1 il finale

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Uccide la mamma, ‘ho fatto una sciocchezza’

Ha ucciso la mamma di 70 anni e dopo ha chiamato lo zio dicendo di aver fatto una sciocchezza.  E’ accaduto ad Orta di Atella (Caserta). Fermato dai carabinieri con l’accusa di

Qui ed ora

Terremoto Ischia: mille a veglia funebre Oggi lutto cittadino su isola, vetrine buie durante funerale

Oltre 1000 persone ieri sera hanno partecipato alla veglia funebre, protrattasi per tutta la notte, che si è tenuta nella chiesa di San Ciro, gremita, nel centro di Ischia Porto:

Qui ed ora

Botte e violenze su un bambino di 5 anni: arrestati madre e zio

Un bambino di 5 anni veniva picchiato dai familiari con bastoni e manici di scopa, umiliato continuamente, senza essere mai chiamato per nome in un piccolo centro del casertano. La

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi