Rassegna Atelier: domenica 8 gennaio Piaf: black without wings al Nuovo

Secondo appuntamento della VII edizione di “Atelier – Spazio performativo”, rassegna di teatro e danza, con la direzione artistica di Artestudio – Teatro Grimaldello, di Antonio Grimaldi, concept e coordinamento a cura di Loredana Mutalipassi. Domenica 8 gennaio alle ore 19, sarà al Teatro Nuovo di Salerno (via Laspro) la compagnia Capriglione-Limodio con “Piaf: black without wings”, di Maria Sole Limodio. Antonetta Capriglione interpreta, lontana da ogni biografismo, Piaf: lo spettacolo è un battito, un esperimento sul volo. Un’indagine sulla schiena dell’uomo senza ali, una riflessione sul potere umano della canzone, sulla bellezza dell’inferno. L’anima e l’animalità del personaggio evocato, convocato, esalta il volo basso dei passerotti leggeri e non quello rapace e tracotante degli sparvieri. L’edizione 2017 della rassegna Atelier, che ha il patrocinio del Comune di Salerno, si propone di ampliare sempre più l’orizzonte dello spazio teatrale inteso come luogo del corpo dell’attore nella sua totalità: una dimensione nella quale spazio e tempo siano profondamente correlati e traslati dalla sensibilità rappresentativa degli interpreti.

Biglietto € 10.
Info e prenotazioni: 347 4016291 – 331 8029416.

Previous CICLISMO FEMMINILE : IL GIRO ROSA FA TAPPA A TORRE DEL GRECO
Next Nel carcere di Secondigliano Arriva la befana: ” Un’iniziativa per abbattere le mura dell’indifferenza”

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Parastasi kitsch, il teatro che dissacra il teatro

Nuovo Teatro Sanità, piazzetta San Vincenzo e la sua chiesa settecentesca sempre più dimora delle domeniche serali. Lo spettacolo inizia ancor prima di iniziare, quando nuvole di vapore rendono opaca

Cultura

“IL SALOTTO A TEATRO” OSPITA ANGELA FINOCCHIARO

Oggi 16 aprile alle ore 19 nel foyer del Teatro Comunale di Caserta nuovo appuntamento del ciclo “Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e il pubblico. Ospite

Cultura

Terrae Motus a Caiazzo, un’idea di Franco Pepe & Co.

di (Enzo Battarra)  @ondawebtv.it Si chiama Terrae Motus, ma non è la celebre collezione di arte contemporanea custodita nella Reggia di Caserta. Magari le strizza un po’ l’occhio nel nome, creando

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi