REGGIA DI CASERTA: I FURBETTI DEL CARTELLINO MARCAVANO IL TESSERINO PER POI ANDARSI A MANGIARE LA PIZZA

Il loro lavoro era di  tenere sotto occhio  la Reggia di Caserta. Invece, durante l’orario di lavoro, si assentavano per lungo tempo per mangiare una pizza o svolgere commissioni personali, rendendo il lavoro dei ladri ancora più semplice. É stato proprio durante le indagini per il furto dell’incasso alla buvette della Reggia che la Polizia di Stato li ha smascherati. Due misure cautelari ci sono – obbligo di firma prima di entrare in servizio e dopo avere terminato l’orario di lavoro – e sono state notificate  dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta, coordinata da Filippo Portoghese, a due dipendenti del Mibact, addetti ai servizi di vigilanza nella Reggia di Caserta.

Si tratta di Giovanni Maiale e di Raffaele Narciso che, secondo quanto emerso dall’attività della polizia, dopo avere timbrato il cartellino di lavoro, lasciavano il posto di lavoro per svolgere commissioni o andare a mangiare una pizza. In alcune occasioni sono anche tornati a casa per poi ripresentarsi, a fine turno, solo per  marcare l’uscita.

Previous NAPOLI: ESEGUITA UNA SENTENZA "ANTI MOVIDA MOLESTA", DOVE SI CHIUDONO I BATTENTI ALLE 23 E SI INSONORIZZA IL LOCALE PENA LA MULTA DI 100 EURO
Next Gianfranco Preverino ,Da Rivarolo a Los Angeles. Il primo illusionista torinese a esibirsi a Hollywood

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

SI SPARA IN UNA SCUOLA IN TEXAS. DIECI I MORTI

Nove studenti e un insegnante: è il bilancio della sparatoria in una scuola superiore di Santa Fe, in Texas, secondo quanto riferiscono fonti della Cnn. La polizia è accorsa sul

Qui ed ora

La faida interna ai Cinque Stelle napoletani

Non vuole rilasciare dichiarazioni il Senatore Bartolomeo Pepe del Movimento 5 stelle dopo che a Napoli ieri si è tenuta una riunione a cui erano presenti Roberto Fico e Wilma

Qui ed ora

Condanna De Magistris, la città metropolitana potrebbe nascere commissariata

Luigi De Magistris è stato condannato a un anno e tre mesi di reclusione per abuso d’ufficio nell’inchiesta “Why not”. La condanna risale ai tempi in cui il primo cittadino

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi