RENZI A MATERA,POTENZA,BENEVENTO E CASERTA:”SE VINCE IL NO SI ESCE CON L’ENNESIMA ACCOZZAGLIA.”

“Si aprono quindici giorni particolarmente belli, importanti: decideranno il futuro del nostro Paese. Questo referendum non è l’obiettivo della vita di nessuno di noi, ma se riusciamo a far voltar pagina all’Italia il nostro Paese sarà in grado di incidere” in Europa. “A voi la scelta se scrivere la storia o rimpiangerla, la questione è tutta lì”. Lo dice il premier Matteo Renzi a un’iniziativa per il Sì a Benevento. “Per il governo io non ero la prima scelta, ero l’ultima spiaggia. E se dopo mille giorni siamo in presenza di numeri positivi ma non ancora soddisfacenti è perché il Nord viaggia a una velocità soddisfacente e il Sud non è ancora ripartito”, aggiunge. Ora “iniziano i quindici giorni in cui si possono finalmente cambiare le cose”, aggiunge.Tensioni e cariche sui manifestanti anti-Renzi anche a Benevento, come accaduto altre volte al Sud quando il premier ha fatto visita. Epicentro degli scontri via dei Rettori tra le forze dell’ordine ed alcuni manifestanti scesi in piazza in occasione della visita del presidente del Consiglio dei ministri. Si è registrata l’esplosione di alcuni petardi e l’accensione di fumogeni mentre la polizia ha bloccato i manifestanti.

Poi tappa a Caserta.Qui, quando è arrivato De Luca, Renzi ha detto scherzando: «Non fa niente che sei arrivato in ritardo, basta che non fai dichiarazioni». Poi qualcuno ha detto dal pubblico «Ma gli vogliamo bene lo stesso». E lui:«Sì, vogliamo bene sia a lui che alla Bindi e anche De Luca le vuole bene».

Il premier continua senza soste il suo viaggio tra Nord e Sud per spiegare le ragioni del «sì». Oggi prima a Matera. Poi a Potenza. «Se vince il No – ribadisce a Benevento – si esce con l’ennesima accozzaglia di tutti senza un ragionamento alternativo. C’è una parte della vecchia classe politica che è sempre stata a favore delle riforme e ora è contro solo perché vuole tornare. Spero nessuno si spaventi vi mostro una foto dei sostenitori delle riforme. Questo referendum sta mettendo insieme un gioco delle coppie fantastico. D’Alema e Grillo, uno che sostiene la politica e uno l’antipolitica. Vendola e La Russa. È bellissimo. Siamo meglio di Maria De Filippi».
“Non è vero che l’Italia è un Paese finito, anzi è infinito e pieno di possibilità ma abbiamo il dovere di cambiare. Soprattutto al Sud, che ancora non è ripartito. I dati dell’Istat lo confermano – prosegue il premier – con noi il prodotto interno lordo è a +1,6 per cento, ma il Mezzogiorno va ancora a rilento. Il Paese è diviso in due».

Previous SALVATORE BOGGIA (PRES VI MUNICIPALITÀ ): "È MOLTO IMPORTANTE DARE E AVERE UN SUPPORTO SOCIALE, LE COLLABORAZIONI CON LE STRUTTURE SOCIALI SONO FONDAMENTALI PER IL NOSTRO TERRITORIO"
Next SI CHIUDE OGGI,IN PIAZZA SAN PIETRO,L'ANNO STRAORDINARIO DELLA MISERICORDIA.

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

IL DISCORSO DI FINE ANNO DI MATTARELLA. IL POPOLO SOCIAL APPLAUDE. UN DISCORSO ESEMPLARE.

Un discorso dal tono intimo quello pronunciato da Sergio Mattarella, quest’anno in onda dallo studio personale della Palazzina e non da quello alla Vetrata. Ma con diversi messaggi rivolti direttamente

ultimissime

Santa Sede, l’immigrazione al centro dei colloqui tra il Santo Padre e il Presidente di Malta.

Città del Vaticano, questa mattina Papa Francesco ha ricevuto in udienza in Vaticano il decimo  Presidente di Malta, Sua eccellenza George Vella, il quale ha successivamente incontrato il Segretario di

ultimissime

E’ STATA APERTA L’AMBASCIATA AMERICANA A GERUSALEMME, SONO 55 I MORTI E OLTRE 2.400 FERITI

Gruppi di dimostranti palestinesi hanno abbandonato la zona di confine con Israele e sono rientrati nelle città di Gaza con autobus messi a loro disposizione da Hamas. Lo riferiscono fonti locali

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi