RENZI A NAPOLI: TRA SCONTRI E PROTESTE, AL VIA LA BONIFICA DI BAGNOLI

«Non date ascolto alle ricostruzioni farlocche: a Bagnoli non c’è nessuna cementificazione. Bonifichiamo le terre, bonifichiamo il mare: stiamo procedendo alla più grande opera di recupero ambientale della storia italiana. Vale più di dieci abbattimenti di ecomostri. Con buona pace delle polemiche di chi per anni non ha mosso un dito. Noi siamo quelli che messi davanti alle responsabilità, non ci prendiamo paura. Abbiamo promesso di sbloccare l’Italia. E lo faremo, con umiltà e coraggio».

Sono le parole che il premier Matteo Renzi ha pronunciato oggi a Napoli, nella sede de Il Mattino dove ha partecipato a un forum. Nella città della Campania non sono mancate le polemiche, tra chi si è mascherato da pulcinella e chi si è portato un pupazzo gigante di Pinocchio, che si intuisce benissimo a chi facesse riferimento. L’immenso corteo, che ha attraversato buona parte di Napoli, si è reso protagonista di scontri con la polizia, che hanno portato ad una quindicina di agenti feriti, lanci di sassi, fumogeni e lacrimogeni per sedare quella che si è poi trasformata in una rivolta.

«Possono insultare, minacciare, tirare sassi e lacrimogeni. Noi siamo più forti delle minacce e più decisi dei loro insulti. Abbiamo promesso che il Paese lo sblocchiamo e lavoriamo per questo» ha detto infatti Renzi, commentando proprio ciò che stava accadendo in quelle ore per le strade della città.

Secondo il piano annunciato da Renzi, che prevede 272 milioni di euro per rilanciare l’area di Bagnoli – i soldi che occorrono a quell’area «per tornare in mano ai napoletani, a Napoli per essere capitale del Mezzogiorno e all’Italia di essere una nazione degna del futuro», come egli stesso ha detto – la riqualificazione avverrà entro il 2019. Già quest’anno dovrebbero partire i lavori di bonifica, per terminare i quali occorreranno almeno 36 mesi.

Ma la prova di Bagnoli è cruciale per il primo ministro. In tanti, anzi si potrebbe dire l’intero Mezzogiorno (e forse persino qualcuno al di là di Roma) si attendono qualcosa da quest’ex Italsider. Ci si attende una riqualificazione ambientale che sia anche industriale, si attendono nuovi posti di lavoro, e soprattutto si attende un progetto che funzioni. Da circa un ventennio Napoli e la Campania attendono che Bagnoli diventi protagonista di un disegno che ridia giustizia a tutta la zona, e proposta dopo proposta, fino ad ora sembra che ogni nuova iniziativa fosse destinata al fallimento. Ora, con nuovi fondi e nuove promesse, siamo tutti speranzosi. Ma le speranze non vanno tradite.

 

Previous SANITÀ, PRESIDIO 118 DI ISCHIA PRIGIONIERO DEL DEGRADO. DI SCALA (FI) :«SITUAZIONE SCANDALOSA».
Next MARIANNA FARESE (M5S):"IL BILANCIO PARTECIPATIVO E' AL CENTRO DELLA NOSTRA AGENDA POLITICA. HO SEMPRE CREDUTO NEGLI APPROCCI BOTTOM UP"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Venezuela :Juan Guaidó, nuovo presidente ad interim del paese

Juan Guaidó,  presidente dell’Assemblea nazionale (AN) del Venezuela, ha giurato nell’incarico di presidente ad interim del paese fino a quando non si possano tenere nuove elezioni. Riferendosi  ad un articolo

ultimissime

Migranti in piscina, prete stringe la mano ad esponenti Fn. Fuori da chiesa urla: ‘Fuori i fascisti’. Don Massimo:”Gesù non fa l’esame del sangue e le porte della Chiesa sono sempre aperte.”

Una ventina di esponenti di Forza nuova, come aveva anticipato il movimento di destra, sono arrivati alla chiesa di Vicofaro per assistere alla Messa concelebrata dal vicario del vescovo di

ultimissime

Zavoli,Pd:”Credo che i partiti debbano fare i conti con le parole non sempre esemplari della politica facendosi carico di un diminuito prestigio volgendo la mente al più grande e nobile dei patrimoni: la democrazia”

  di Sergio Zavoli     La vicenda umana sta affrontando il complesso e concitato sviluppo non solo di nuove politiche, ma anche delle condizioni per “aggiornarne” identità ed equilibri.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi