Riapre Museo Delacroix, perla segreta in cuore a Parigi

“La vista del mio piccolo giardino e il ridente aspetto del mio atelier mi suscitano sempre un sentimento di piacere”: scriveva così il grande pittore francese, Eugene Delacroix (1798-1863), riferendosi allo studio nel cuore del Quartiere Latino in cui passò gli ultimi anni della sua vita, trasformato oggi nel Musée National Eugène Delacroix, uno dei luoghi piu’ segreti e affascinanti della capitale di Francia. Dopo oltre tre mesi di chiusura, l’appartamento, l’atelier e il giardino del grande artista principale esponente del romanticismo francese riaprono le porte al pubblico per visite limitate a piccoli gruppi, in linea con le disposizioni sanitarie imposte dalla lotta al coronavirus. Situato all’interno di un palazzo, con portone su Place Fürstenberg – tra le piazze piu’ piccole, discrete e romantiche di Parigi – il museo offre al pubblico un’esperienza intima e piacevolissima, a misura d’uomo, agli antipodi dell’immensità del Louvre – anche se è lo stesso Louvre ad occuparsi della gestione del Musée Delacroix – e tanti altri siti turistici.

“Dal 22 giugno 2020 – racconta la direttrice del museo, Claire Bessède – abbiamo riaperto le porte al pubblico. Tutta la squadra ha festeggiato l’evento e abbiamo deciso che il museo sarà gratuito per tutta l’estate”. Intervistata dall’ANSA, la direttrice racconta che se la casa-atelier-museo esiste ancora è grazie all’impegno di artisti e ammiratori del Maestro, che alla fine degli anni venti del secolo scorso si mobilitarono per fare di questo suo ultimo luogo di vita e creazione un museo aperto al pubblico. Di qui l’invito della direttrice a venire a visitare questa pepita , con un giardino insospettabile – con tanto di roseti e un albero di fico, rarissimo a Parigi, voluto dallo stesso artista – nascosto nella fitta trama di palazzi della rive gauche.

L’artista scelse di vivere qui perché l’atelier si trova a poche centinaia di metri da Saint-Sulpice, la celebre chiesa in cui l’artista realizzò una serie di affreschi, tra cui la ‘Lotta di Giacobbe con l’angelo’ (1853-1861), olio e cera su intonaco, tratto dal libro della Genesi. All’interno del museo, diverse opere del maestro, tra cui un ritratto, romanticissimo, di ‘Romeo e Giulietta nella tomba dei Capuleti’. Il Museo suggerisce inoltre a parigini e flaneur itinerari sulle tracce di Delacroix, magari cominciando dall’atelier, proseguendo alla Chiesa di Saint-Sulpice per vedere gli affreschi e chiudendo la visita ai Giardini del Lussemburgo, dove tra il verde degli alberi secolari troneggia un imponente monumento in omaggio a Delacroix firmato dallo scultore Jules Dalou. Prevista anche una apposita app disponibile gratuitamente sul sito del museo.

Previous Turismo: l'Onu sceglie l'Italia per la ripartenza
Next Gli azzurri, rifinitura al San Paolo in vista del match NAPOLI-SPAL, affaticamento muscolare per Allan

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

SALERNO: PRESSO IL TEATRO GENOVESI VA IN SCENA IL FESTIVAL NAZIONALE “TEATRO XS”, CON UNA SERIE DI EVENTI

In occasione della ventesima edizione del Festival Nazionale “Teatro XS” Città di Salerno, organizzato dalla Compagnia dell’Eclissi, la Compagnia Luca Morelli di Potenza, presso il Teatro Genovesi ci saranno i seguenti spettacoli: Domenica 11 marzo, nell’ambito

Cultura

FESTA DEL PREMATURO

Venerdì 16 dicembre alle ore 15,00,  l’Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento organizza la 13° giornata della “FESTA DEL PREMATURO”. Come per gli anni precedenti, nel periodo natalizio,

Cultura

CITTA’ DELLA SCIENZA : UNA GIORNATA ALL’INSEGNA DI SCIENZA E DIVERTIMENTO PER GRANDI E PICCINI

Domenica 10 settembre – a partire dalle ore 10.00- Città della Scienza accoglie i napoletani al rientro dalle vacanze con una giornata speciale all’insegna di scienza e divertimento fatta di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi