Rimborsi, M5s cambia lo Statuto: fondi residui non andranno più a Rousseau in caso di scioglimento del Comitato

Il nuovo Statuto del Comitato per le rendicontazioni/rimborsi del M5s cambia. Tra le modifiche proposte dal capo politico Luigi Di Maio. approvate il 10 gennaio, la più significativa riguarda l’ultimo comma dell’articolo 16. “In caso si scioglimento del Comitato – è scritto – i residui fondi a disposizione non siano devoluti all’associazione Rousseau, bensì a favore della microimprenditorialità”.

Inoltre, viene esteso l’oggetto dell’organismo “anche ai parlamentari europei” riservandosi la “facoltà di utilizzo per i portavoce regionali”. Con la modifica del regolamento entrano a far parte del direttivo del Comitato, insieme al presidente Luigi Di Maio, anche i capigruppo di Camera e Senato Davide Crippa e Gianluca Perilli che sostituiscono gli ex capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli.

L’atto, sottoscritto davanti al notaio Luca Amato, prevede che “tutte le somme ricevute dal Comitato dovranno essere versate al Fondo appositamente costituito per il Microcredito o agli enti e soggetti individuati dagli iscritti al M5s previa consultazione online”. La durata del Comitato è prevista per statuto fino al “noventesimo giorno successivo al termine della XVIII legislatura, coincidente con lo scioglimento delle Camere e comunque sino all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.

Previous Londra: il primo ristorante dedicato solo al formaggio
Next Alessandro Siani: "in teatro può essere festa tutti i giorni"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Coronavirus, Kim dichiara ‘allerta massima’ nel mondo 16 milioni di casi

Il bilancio dei casi di coronavirus a livello globale ha superato questa mattina la soglia dei 16 milioni: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University. Secondo i dati

ultimissime

Conte: “Approviamo la Manovra, poi a gennaio verifica sul governo”

A gennaio verrà fatta una verifica sulla tenuta del governo. Lo ha garantito Giuseppe Conte, ma solo “dopo l’approvazione della legge di Bilancio“. Dopodiché, ha aggiunto il premier, “chiederò alle forze politiche

ultimissime

DON VITALIANO DELLA SALA A ORTICALAB:”«La morte di Angelo è il fallimento di tutti: il Comune è assente, il volontariato un affare. Il bene non si fa per profitto»

Don Vitaliano, la morte del quarantaquattrenne Angelo Lanzaro, ridottosi a vivere nel Mercatone e deceduto nella notte dell’Epifania per il freddo, ha ridestato la città dal suo indifferente torpore. Peccato

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi