Rivolta nel centro di accoglienza di Venezia per la morte di una ragazza

In un  centro di accoglienza di Cona, in provincia di Venezia, che ospita quasi 1.500 migranti, è scoppiata una rivolta dopo la morte avvenuta all’interno della struttura di una ragazza ivoriana di 25 anni. La ragazza si era sentita male verso le 8 di ieri mattina, ma i soccorsi sono arrivati solo dopo le 14. Gli operatori del centro, tra i quali due medici e un’infermiera, sono stati costretti a chiudersi dentro gli uffici amministrativi della struttura: intorno a loro i migranti bloccavano le uscite con falò e muri umani. I volontari sono stati liberati intorno alle due grazie all’intervento delle forze dell’ordine che hanno aperto una trattativa con l’aiuto di un mediatore culturale. Solo in mattinata è tornata la calma. Per ore gli operatori sono rimasti chiusi, senza luce e al freddo, in uno dei container all’interno della struttura. Il procuratore della Repubblica, Lucia D’Alessandro ha spiegato che la ragazza è morta in seguito a “una trombo-embolia polmonare bilaterale. Voglio sottolineare  che è interesse della Procura divulgare la causa della morte per evitare che nella popolazione nasca la preoccupazione di possibili malattie ritenute pericolose per altri individui. Per questo motivo stiamo provvedendo a tutti i controlli relativi alle condizioni di salute degli ospiti della struttura”. La ragazza, Sandrine Bakayoko, era in attesa di ricevere una risposta alla sua richiesta d’asilo.

Previous Città della scienza - La Befana vien di giorno: una grande festa per tutta la famiglia
Next Federconsumatori Campania.NO ad ogni ipotesi di sospensione dell’attività trapiantologica pediatrica presso il Monaldi di Napoli

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

BRUCIA IL PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO. L’APPELLO DI LEGAMBIENTE E RIFIUTI ZERO CAMPANIA

Comunicato stampa di Legambiente Rete dei Comitati vesuviani/Rifiuti Zero Campania     Brucia il Parco nazionale del Vesuvio. Come mai purtroppo, a memoria d’uomo con 12, 13,14 e fino a

Economia e Welfare

CONSIGLIO REGIONALE, FONDAZIONE MARIA: “IMPARI AD OSPITARE LA BELLEZZA, RACCONTARNE IL RISCATTO DELLA CAMPANIA”

Presso il Consiglio regionale della Campania, è stata  inaugurata ed esposta la mostra fotografica dei ragazzi della Fondazione Famiglia di Maria. Hanno partecipato all’evento Fabio Giuliano, referente regionale di Libera,

Economia e Welfare

SICUREZZA SUL LAVORO E CONTRASTO AL LAVORO SOMMERSO. L’IMPEGNO DEI CARABINIERI DEL NIL DI CASERTA

L’edilizia costituisce uno dei principali settori imprenditoriali attivi sul territorio casertano, ed è in tale contesto che i Carabinieri del NIL di Caserta stanno producendo il massimo sforzo al contrasto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi