Roberto Michelangelo Giordi :“Il Sogno di Partenope”, il quarto album del cantautore napoletano di stanza a Parigi

Rievocare il canto di Partenope tra mito e modernità, tra storia e innovazione, tra oppressione e resistenza.

Interverranno: Gino Aveta (autore televisivo RAI e responsabile dell’Archivio Sonoro della Canzone Napoletana), Alfredo d’Agnese (Docente di Comunicazione e linguaggi musicali – Università Suor Orsola Benincasa e giornalista). Coordina Nicola Capone (dottore di ricerca in Filosofia del diritto presso l’Università di Salerno).

Il cantautore napoletano, dall’indiscutibile fascino vocale, riformula nuovi orizzonti per la canzone partenopea rimescolando la tradizione con il jazz e la world music.
Roberto Michelangelo Giordi è vincitore della XIII edizione di “Botteghe d’Autore” ed è in finale a Musicultura 2019 con il brano ““Cronache globali degli anni Zero”
Guarda la sua esibizione http://bit.ly/2UazbcD

[ATTENZIONE link da non divulgare per favore]
https://bit.ly/2U5jVxC
Download press kit per Recensione Album

Guarda il videoclip di “Fenesta vascia” feat. Daniele Sepe
https://youtu.be/t80tohw_Ayg
dal minuto 39 podcast – Radio Rai3
https://www.raiplayradio.it/audio/2019/04/Zaz195160—Sud-atomico-13e038f6-3a2d-4da5-934b-43fde9c01cc0.html
Ascoltalo su Spotify
https://open.spotify.com/album/2ALqkgTMGQcXAX4ynHAa9p?si=cedqQ3S3SPiC7a1EQfZc8A


Il Sogno di Partenope” è artisticamente prodotto da 
Piero de Asmundis, già produttore e pianista di Ensemble Dissonanzen, Claude Challe, DJ Da Silva, Daniele Sepe, Nino D’Angelo. Nell’album troviamo molte collaborazioni speciali: al sassofono Daniele Sepe, al clarinetto  Pericle Odierna, alla voce Brunella Selo, al violino, mandolino e lira pontiaca Michele Signore e alle percussioni  Ciccio Merolla.

Dopo il fortunato debutto francese con “Les amants de Magritte” (Disques Dom France, 2017), e i due dischi italiani che gli hanno valso lo status di musicista e cantautore di culto, Giordi dà finalmente voce ad un racconto su Napoli attraverso le note ed i versi della tradizione partenopea più antica.

Il sogno di Partenope” (Disques Dom) esce in Italia il 12 aprile sulle piattaforme digitali Spotify, iTunes, Google Plus, Amazon mentre la distribuzione fisica è affidata a www.terminalvideo.com/musica.

Le 15 tracce che compongono l’album sono un omaggio alla canzone classica partenopea ma arricchite di nuove storie, scritte dallo stesso Giordi, che evocano in maniera nuova, e talvolta surreale, la città di Napoli con le sue eterne contraddizioni, i suoi eclettismi musicali e i suoi legami storici e culturali con la società francese.

Concepito a Parigi e realizzato a Napoli il disco rompe ufficialmente con i clichet della tradizione vocale cercando di ricollocare le melodie antiche nei territori ancora inesplorati della world music, del folk e della musica da camera.

Official Web

www.robertomichelangelogiordi.it
https://www.facebook.com/RobertoGiordiOfficial

Previous Si rovescia scuolabus nel Padovano, feriti sette studenti
Next Cori: Tarip “Più inquini, più paghi” e Comune “Plastic free”

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

NAPOLI , AL CASTEL DELL’OVO SARA’ INAUGURATA LA MOSTRA PERSONALE DELLA FOTOGRAFA CAMILLA BORGHESE

Sabato 21 aprile 2018 alle ore 12.00, sarà inaugurata nelle Sale Espositive di Castel dell’Ovo, per la prima volta a Napoli, la mostra personale della fotografa romana Camilla Borghese dal titolo “Orizzonte Verticale”, a

Cultura

PARCO DEL POGGIO CONTINUA AD ILLUMINARSI CON LA RASSEGNA” IL TEMPO, LE PAROLE, IL SUONO” UNO SPETTACOLO INTIMO IN CUI CI SARA’ TEMPO PER COMMUOVERSI E SORRIDERE

Alle ore 21, 30 per la rassegna  “Il Tempo, le parole il suono”, curata dalla Jesce Sole, si propone uno spettacolo work in progress per il pubblico del Parco del

Cultura

Caste e castighi. Il dito nell’occhio. L’ultimo lavoro di Samuele Ciambriello

“Caste e castighi. Il dito nell’occhio. Linguaggio, indignazione, speranze”. È questo il titolo con il quale l’autore, Samuele Ciambriello, ha voluto firmare l’ultimo lavoro della sua molteplice produzione scritta, soprattutto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi