Rogo Alessandria, fermato il proprietario: ha confessato

C’è un fermo nelle indagini dei carabinieri per l’esplosione della cascina di Quargnento (Alessandria) che ha causato la morte di tre vigili del fuoco. Si tratta del proprietario della struttura, Giovanni Vincenti, che ha dato una “confessione esaustiva e precisa“. Lo afferma il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri, precisando che Vincenti “poteva evitare la tragedia”, che è avvenuta per un “errore di impostazione del timer”.

Durante l’interrogatorio, Vincenti ha affermato di aver avuto solo l’intenzione di arrecare danni alla cascina, senza volontà di ferire o uccidere. Indagata a piede libero anche la moglie. I due avevano pesanti debiti e pare volessero incassare i soldi dell’assicurazione.   “Il timer era stato settato all’1.30 ma accidentalmente c’era anche un settaggio alla mezzanotte. Questo ha portato alla prima modesta esplosione che, ahimè, ha allertato i vigili del fuoco”, ha affermato il procuratore di Alessandria, ricostruendo così la tragedia della cascina di Quargnento. L’esplosione doveva essere una sola ma l’errore nella programmazione del timer, collegato alle bombole del gas, ha provocato la strage. “La notte della tragedia Vincenti è stato informato da un carabiniere che il primo incendio era quasi domato – ha spiegato ancora Cieri -. Vincenti non ha detto che all’interno della casa c’erano altre cinque bombole che continuavano a far fuoriuscire gas. Era intorno all’1, ci sarebbe stata mezz’ora di tempo per evitare la tragedia”.

Una delle prove decisive, che hanno fatto crollare confessare Giovanni Vincenti, è stato il ritrovamento del bugiardino del timer che ha innescato l’esplosione nella camera da letto di Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina esplosa a Quargnento, in provincia di Alessandria. Lo ha spiegato Michele Lo Russo, comandante del carabinieri di Alessandria. Il bugiardino non era neanche nascosto, ma poggiato su un cassettone.

Gli inquirenti: “No comment: il comandante provinciale dei carabinieri di Alessandria, colonnello Michele Angelo Lorusso, ha risposto così ai giornalisti che gli chiedevano se nell’esplosione di Quargnento sia coinvolto anche Stefano Vincenti, figlio di Giovanni, l’uomo fermato la scorsa notte. “Le indagini proseguono“, ha ribadito il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri.

Vigili del fuoc “Il risultato operativo c’è stato, ma purtroppo i nostri ragazzi non ci sono piu‘”. Questo il primo commento dei vigili del fuoco di Alessandria sugli sviluppi dell’inchiesta sull’esplosione di Quargnento in cui sono morti tre loro colleghi. “Comunque giustizia comincia a essere fatta“, aggiungono a proposito del fermo di Giovanni Vincenti.

Previous Napoli in campo dopo la bufera: aria di contestazione al San Paolo
Next Allan, devastata la casa dai ladri. Teme di essere diventato un bersaglio della tifoseria

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Tra Fedez e J-Ax il tormentone dell’estate si chiama referendum

E’ stato il tormentone di quest’estate. E continua a esserlo. Prima si era detto a ottobre, ora si pensa al mese di novembre inoltrato, si andrà a votare per il

ultimissime

LA RUSSIA DEL MONARCA PUTIN CON “LA LEGGE SUGLI SCHIAFFI”

Un antico proverbio recita: “Quando torni a casa, picchia la moglie. Anche se tu non sai perché gliele dai, lei sa perché le prende”. In Russia il proverbio è diventato

ultimissime

UN GIOVANE NIGERIANO DI 17 ANNI RESIDENTE A CASERTA PERDE LA VITA ANNEGANDO IN PISCINA NELLA VILLA DOVE LAVORAVA

Per guadagnare  aiutava un italiano nei  lavori di potatura all’interno di una villa per cerimonie che era chiusa. Poi – secondo la ricostruzione accertata  dagli investigatori – si è tuffato

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi