ROSA CRISCUOLO:”SONO A CONOSCENZA DI INDAGINI SU DI ME PER DIFFAMAZIONE NEI CONFRONTI DI ESPONENTI DI FORZA ITALIA.”

Vengo a conoscenza di indagini a mio carico dal 2015 per fatti diffamatori risalenti al 2013 da parte dell’ attuale capogruppo di Forza Italia Armando Cesaro in Regione Campania , ad esse aggiungo quelle provocate dalla querela della consigliera prima non eletta Mafalda Amente nello stesso anno . Prima di adesso non avevo mai fatto parola di queste attivita’ giudiziarie che rendo note alla stampa poiche’ mirano alla trasposizione di fatti squisitamente politici sul piano giuridico e aggiungo che mi sono limitata a resistere e non ad alimentare l’ inopportunita ‘ dell’ utilizzo della macchina giudiziaria . Mi dispiace che il confronto politico in questi anni nel centrodestra si sia ridotto a questo ma soprattutto sono meravigliata rispetto al fatto che solo la mia persona venga presa di mira dai vertici di Forza Italia come se fossi la causa della loro debacle elettorale . Sono una militante radicale , garantista e contro ogni forma di illegalita’ .
In fede , Rosa Criscuolo
Previous QUALIFICAZIONI MONDIALI RUSSIA 2018: ITALIA-SPAGNA FINISCE 1-1 . DE ROSSI RISPONDE A VITOLO. DETERMINANTI GLI INGRESSI DI IMMOBILE E BELOTTI .
Next Migranti e risarcimento del danno. Non va ridotta la liquidazione solo perché i parenti dell'extracomunitario vittima dell'incidente stradale vivono all'estero. La Cassazione chiarisce l'orientamento bacchettando le corti e le compagnie assicurative che discriminano

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Napoli, Valente: “Governo intervenga sulla questione dell’archivio storico”

La deputata e capogruppo del Pd al Consiglio Comunale di Napoli,  Valeria Valente,  ha presentato un’interrogazione al Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, sulla

Qui ed ora

Paolo Gentiloni: “Fermare gli scafisti”!Le navi italiane partiranno per la Libia.

Il governo  Italiano dà il via libera all’invio di navi in Libia e il decreto, varato oggi dal Consiglio dei ministri, sarà dalla prossima settimana all’esame del Parlamento. Lo scorso

Qui ed ora

Terra dei fuochi, le procedure Ue colpiscono i cittadini e non i veri responsabili

“Per colpire chi ha responsabilità pubbliche e non ha impedito la devastazione ambientale e i morti per tumore nella Terra dei Fuochi non vanno utilizzate come unico mezzo di deterrenza

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi