San Castrese ,Flamenco Napuleño : le sfumature iberiche continuano a colorare la musica napoletana

È una proposta davvero interessante quella avanzanta dalla Pro Loco per il 20 luglio in Piazza Centrale a San Castrese di Sessa Aurunca (CE). Difatti, con la prima data nell’Alto Casertano, sarà di scena “Flamenco Napuleño Trio”, straordinario progetto musicale nato per unire la cultura musicale della propria terra, Napoli, agli echi antichi della Spagna.

Questo viaggio tra tradizione e modernità è sapientemente eseguito dalle chitarre del Maestro Gabriel D’Ario (chitarra flamenca) e di Dario Di Pietro (chitarra classica), accompagnate dal suono del violino di Alfredo Pumilia. Durante la serata del 20 luglio, con inizio alle ore 21 e con ingresso gratuito, il pubblico potrà ascoltare i brani contenuti nell’album d’esordio omonimo, uscito il 9 marzo sia in copia fisica sia sugli store digitali.

Da “Tammurriata Nera”, passando per “Caruso”, arrivando a “Quando”: una pièce musicale che si mostra al pubblico come un viaggio sensoriale trasversale , condito da armonie e arrangiamenti del tutto nuovi ed inediti; lo spettatore potrà assistere ad un’andata e ritorno continuo tra le sonorità napoletane e le marcate sfumature iberiche.

Pertanto, la serata del 20 luglio a San Castrese si prefigura come un mix perfetto tra innovazione e tradizione musicale, cultura e divertimento. Dario Di Pietro, Gabriel D’Ario ed Alfredo Pumilia e la Pro Loco vi danno appuntamento in Piazza Centrale, con ingresso gratuito a San Castrese dalle ore 21.

Previous RITIRO NAPOLI , LE DICHIARAZIONI DI MILIK : "E' IMPORTANTE RIPRENDERE CONFIDENZA CON IL GOL"
Next G20 DI AMBURGO: NUOVO INCONTRO SEGRETO TRA TRUMP E PUTIN

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

SCAVI PAESTUM: CONCERTI FINO AL 10 SETTEMBRE

Musica nei templi di Paestum. Domani, giovedì 25 agosto, all­e 21, presso l­a Basilica, si apre l­a prima rassegna che prevede concert­i fino al 10 settembr­e. Ecco gli appuntame­nti in

Cultura

Reggia Caserta, Felicori deve lasciare

In ragione della legge sulla quiescenza obbligatoria per limiti di età dei dipendenti pubblici, il mio contratto con lo Stato come direttore della Reggia di Caserta cesserà con il prossimo

Cultura

‘It Will Be Chaos’ , il caos dei rifuggiati raccontato attraverso le immagini di un documentario che si pone alcune questioni

Si chiama  ‘It Will Be Chaos’ , ovvero Sara’ il caos. E’ un documentario prodotto da HBO, diretto da due italiani, Lorena Luciano e Filippo Piscopo e trasmesso in anteprima il prossimo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi