SANDRI:LA VOCE PROFETICA E CORAGGIOSA DI GIOVANNI FRANZONI

La voce profetica di Giovanni Franzoni

Giovanni Franzoni, una delle personalità più coraggiose della Chiesa italiana, punito dalle gerarchie ecclesiastiche per aver difeso la libertà di coscienza e di voto politico, è morto – presso Roma – all’età di ottantotto anni.
Nato nel 1928 in Bulgaria (dove i genitori si trovavano per lavoro), crebbea Firenze. Fattosi benedettino, nell’ormai lontano 1964 fu eletto abate della basilica di san Paolo fuori le Mura, e dunque anche capo dell’annesso monastero. In quanto tale partecipò come “padre” alle ultime due sessioni del Vaticano II.
Nel post-Concilio si impegnò per aiutare la Chiesa romana ad essere coerente con quanto aveva appena affermato nella Grande Assemblea. Nel 1973, con la lettera pastorale La terra è di Dio, denunciò le compromissioni vaticane con la speculazione edilizia a Roma; fu perciò, di fatto, costretto a dimettersi da abate.
Lasciò la basilica e – con un folto gruppo di fedeli che lo avevano sempre sostenuto – fondò la Comunità cristiana di base di san Paolo. Nel ‘74 si batté per affermare la libertà di coscienza nel referendum sulla legge del divorzio; ma, siccome i vertici della Conferenza episcopale italiana si erano impegnati per il “sì” all’abrogazione di quella normativa, per punizione Franzoni fu sospeso a divinis.
E, dopo che, nel ‘76, dichiarò che alle elezioni politiche del giugno di quell’anno avrebbe votato PCI, fu ridotto allo stato laicale. Egli, insieme alla Comunità di san Paolo, continuò però le sue battaglie, a favore del pluralismo politico dei cattolici in Italia.
Sul fronte internazionale, ebbe molto a cuore i drammi del Medio Oriente, sperando in una pace nella giustizia tra israeliani e palestinesi; e, con l’America latina, fu vicino ai teologi della liberazione. Ha scritto diversi libri di carattere teologico e biblico, ma sempre agganciati a temi “caldi”.
La sua prassi di comunità – che mette in questione il concetto di “sacerdozio”, insistendo invece su quello di “ministero” (servizio) all’interno del “popolo di Dio” – ha aperto prospettive finora non accolte dall’ufficialità cattolica.
Un altro tema di riflessione caro a Franzoni fu quello del fine-vita. Quando il cardinale Ruini negò i funerali in chiesa di Piergiorgio Welby, invitò la sua sposa a un’Eucaristia nella Comunità di san Paolo.
Negli ultimi mesi si era incontrato con l’attuale abate di san Paolo, don Roberto Dotta: tra i due era nata un’amicizia – della quale papa Francesco era perfettamente al corrente – che, forse, avrebbe potuto avere sviluppi non scontati.
Ma sorella morte ha portato via Franzoni prima che l’establishment ecclesiastico trovasse il coraggio di scusarsi delle molte sofferenze inflitte ad un profeta che, nelle sue scelte concrete e nei suoi scritti ha indicato una Chiesa mite, orientata dalla parte degli ultimi, rispettosa della libertà umana, ricca solo di Vangelo, compagna di cammino di tutte le persone di buona volontà, e audace: perché Ecclesia semper reformanda, la Chiesa deve sempre essere in stato di riforma.
LUIGI SANDRI,da Il trentino 14 luglio 2017

Previous BAGNO DI FOLLA PER AURELIO DE LAURENTIIS, COINVOLTO NELLA SELFIE-MANIA. 5000 TIFOSI A DIMARO. PRIMO GIORNO PER MARIO RUI.
Next L' Unione Europea dei trasporti

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

MAURIZIO MARTINA SPINGE RENZI A SINISTRA.LA SUA STERZATA A SINISTRA ACCOLTA DA UNA OVAZIONE AL LINGOTTO.

Dopo la lunghissima relazione di  introduzionedi Matteo Renzi, la mattinata del Lingotto,ieri, ha avuto  come protagonista Maurizio Martina, il ministro dell’Agricoltura che ha sfidato la scissione della sinistra accettando di

Officina delle idee

NAPOLI , EVENTO DELLA FONDAZIONE “SII TURISTA “ A PIAZZA BELLINI

Piazza Bellini è il cuore pulsante di Napoli, il centro della movida giovanile dove confluiscono e convivono diverse anime della città. Un luogo simbolo dove le mura greche, un tesoro

Officina delle idee

CENTO ANNI E NON SENTIRLI

Quando ti approssimi a un’età di riguardo, in grado di suscitare curiosità ed interesse in tutte le persone che anche casualmente si imbattono nei tuoi dati anagrafici, la domanda che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi