Sciopero dei benzinai il 13 e 14 maggio in autostrada

Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio hanno confermato lo sciopero di 48 ore delle Aree di Servizio della viabilità autostradale ed assimilabile, già fissato dalle ore 22.00 del prossimo 12 maggio, fino alla stessa ora del 14. E’ quanto annunciano in una nota:  “I gestori – si legge in una nota delle organizzazioni – non chiedevano altro che condividere responsabilità e oneri con il Governo e l’intera filiera composta da tanti soggetti economici -concessionari autostradali primi fra gli altri- con ben altra solidità ed una incommensurabilmente maggiore remunerazione. A nulla è valso resistere pazientemente e stringere i denti in tutto questo periodo, moltiplicando appelli e sollecitazioni. Ora, con il termine della fase acuta dell’emergenza, avendo in tutta coscienza adempiuto interamente alla responsabilità di cui è fieramente portatrice, la categoria non ha altra risorsa che tornare ad agitare gli strumenti della protesta, a sostegno delle proprie legittime rivendicazioni”.

Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio si dicono infine convinte che i cittadini “comprendano le loro giuste motivazioni, che sono poi quelle che similmente agitano anche moltissimi di loro”.

Previous Regolarizzazione, verso accordo su permessi di 3 mesi
Next CONFESERCENTI NAPOLI, FOCUS SUI TRASPORTI: “SETTORE IN GINOCCHIO, DIALOGO APERTO CON LA REGIONE PER SOSTEGNO IMMEDIATO”

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

António Guterres, chiede di fermare tutte le guerre, per far fronte comune contro il Covid-19 e proteggere le popolazioni esposte

Il Segretario Generale dell’Onu, António Guterres, si rivolge al mondo nel pieno dell’emergenza coronavirus, con oltre un miliardo di persone in lockdown, oltre 370.000 contagi, 16.000 morti e i sistemi

Economia e Welfare

Lavoro, la disoccupazione rimane alta a Napoli ma crescono nuove professioni

he l’Italia non se la passi benissimo dal punto di vista lavorativo è un dato assodato, soprattutto negli ultimi anni. Complice una crisi economica devastante, i disoccupati aumentanoesponenzialmente soprattutto al

Economia e Welfare

CEMENTIFICI DI SALERNO E MADDALONI (CE), ESPOSTI ALLE PROCURE DI PEDICINI E DEL GRUPPO CONSILIARE M5S CAMPANIA PER CHIEDERE DI ESAMINARE I RISCHI AMBIENTALI E SANITARI PRODOTTI DALL’INCENERIMENTO DI RIFIUTI

Accendere un faro che faccia luce ed analizzi le eventuali ricadute ambientali e i rischi sanitari indotti dai cementifici Italcementi di Salerno e Cementir di Maddaloni (Caserta), questa la finalità

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi