Scoperte lastre “false” all’ospedale Loreto  Mare

I medici dell’ospedale “Loreto Mare” hanno fatto una scoperta curiosa quanto sconcertante: si è scoperto che nello stesso ospedale napoletano venivano fatte circolare delle radiografia per una frattura al femore più  di venti volte, assegnata a venti tra automobilisti o pedoni passati almeno virtualmente  per le stanze dell’ospedale napoletano. Questo é quanto emerso da un’indagine svolta dopo diversi mesi su centinaia di referti e documenti clinici analizzati. I documentari, secondo la procura di Napoli, appartengono ad ex pazienti che facevano richiesta di risarcimento per danno al termine di una sorta di messinscena che ha visto operativi diversi livelli di responsabilità. Intanto le stesse forze dell’ordine stanno indagando su altri “casi” che ad oggi non hanno ancora portato a una soluzione.

Previous Il concerto dei coldplay sarà visibile anche in "realtà aumentata"
Next NAPOLI: ESTATE AL MUSEO MADRE, INGRESSO E VISITE DIDATTICHE GRATUITE NEL MESE DI AGOSTO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

QUESTIONE MIGRANTI , GENTILONI :”LA SPERANZA E’ CHE I SUCCESSI NELLA LOTTA AL TRAFFICO ,RENDANO IL CLIMA SULLA DISCUSSIONE DELLE REGOLE INTERNE PIU’ SEMPLICE”

“La speranza è che i successi nella lotta al traffico di migranti, e quindi la riduzione dei flussi irregolari, rendano il clima sulla discussione delle regole interne più semplice”. Cosi

Qui ed ora

Caso Regeni: Si cerca di  recuperare le immagini delle telecamere di tutte le stazioni della linea 2 della metropolitana del Cairo a due anni dalla morte

Si cerca di  recuperare le immagini delle telecamere di tutte le stazioni della linea 2 della metropolitana del Cairo, infatti,  il team di esperti russi nominati nell’ ambito dell’inchiesta sul

Qui ed ora

Precari Napoli, non valiamo 30 euro

La vita di un ragazzo non può valere 30 euro. Noi non valiamo 30 euro. Questo lo slogan scandito dai partecipanti al sit-in di protesta a Napoli davanti alla Direzione

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi