SECONDO IL “GLOBAL HEALTH INDEX” L’ITALIA è IL PAESE PIù IN “SALUTE AL MONDO

Secondo una ricerca svolta da “Global Health Index” e pubblicata sulla rivista “Bloomberg” gli Italiani sono al primo posto  al mondo per salute su i 163 paesi analizzati. Mentre l’aspettativa di vita per i giovani neonati è salito a 80 anni contro i 52 del Sierra Leone, il quale si ritrova ultimo in questa “speciale” classifica. La nostra Nazione supera addirittura paesi come L’Islanda, Svezia, Giappone, Singapore e Spagna ( in 6° posizione con 89,19 punti). Questo è un dato che ci può far sorridere dato che ci ritroviamo sopra a potenze mondiali come Stati Uniti (i quali il tasso di obesità è tra le  più alti del pianeta), Giappone e Russia, ma questa ricerca si è basata su un legame tra reddito pro capite e salute. Quindi nonostante viviamo ormai da un po’ di anni (troppo) in un’incertezza politica e il tasso di disoccupazione aumenta sempre di più  e la crescita non da segni di ripresa, ecco che al nostro favore arriva un dato statistico interessante per tutti coloro che oltre al lavoro riescono a dedicare qualche ora alla propria salute (mangiando cibo salutare) per rimanere sempre in forma.

Previous AL TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI è STATO TRASMESSO I PRIMI MINUTI DEL FILM "PINO DANIELE - IL TEMPO Resterà"
Next IL VICO CINQUESANTI :STORIA E TRADIZIONE

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

GAETANO DI VAIO RIENTRA IN CARCERE COME REGISTA. CON LUI SI CHIUDE IL PROGETTO “FILMTHERAPY” A POGGIOREALE

Gaetano Di Vaio le ferite inflitte dalle sbarre  le conosce bene. Le porta, nonostante il tempo, ancora tutte addosso e te ne accorgi quando, mentre  varca la soglia della porta

Economia e Welfare

“Crescita più solida, sostenibile e inclusiva”: Le aspettative del Ministro dell’economia Padoan

Al Salone del Risparmio , il ministro dell’economia ,  Pier Carlo Padoan , ha dichiarato :“Il Paese si trova in una fase di transizione verso una crescita più solida, sostenibile

Economia e Welfare

Cresce il divario: i più poveri hanno solo 1,8% redditi

Si allarga il divario in Italia tra chi ha redditi più alti e chi non riesce ad arrivare alla fine del mese: il decile più povero delle popolazione – secondo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi