SECONDO L’ISTAT IN ITALIA CI SONO 4 MILIONI DI LETTORI IN MENO

Secondo una recente ricerca fatta dall’Istat sono sempre più pochi gli italiani che leggono i libri. Oggi ci sono più di 4 milioni di italiani sparsi per lo stivale di lettori di libri in meno rispetto al 2010. Il 57,6% della popolazione non legge un libro da più di 6 anni. Dalla stessa ricerca dell’Istat pare che il 64,5% sono maschi e il 51,1% sono femmine. Queste invece sono le percentuali delle varie fasce d’età: Tra i bambini, l’aumento dei non lettori tra i 6-10 anni (+9,3%), tra gli 11-14 anni (+13,9%.) e tra i 15-17 anni (11,7%). Spesso i non lettori sono coloro che possiedono una licenza media; tra i laureati la percentuale scende al 25%; Tra gli uomini dai 25 ai 74 anni si attestano sul 62-66% e arrivano al 72,9% nella fascia dai 75 anni e più. Al contrario le donne non lettrici superano il 50% solo nella fascia oltre i 65 anni. Tra 11 e 24 anni le non lettrici sono il 38-42% e dai 25 anni la quota inizia a crescere, ma si mantiene sotto il 50% fino ai 64 anni. Da questa ricerca non può sorridere neanche il Sud: nel mezzogiorno i non lettori sono il  69,2% e con una punta del 73% in Calabria, il +13% rispetto al Centro (55,8%) e il +19% rispetto al Nord (49,7%). Un’eccezione è rappresentata dalla Sardegna dove i non lettori sono il 51,8%, cioè a livelli inferiori alla media nazionale.  Le percentuali si abbassano invece a Trento (43,7%), in Friuli (44,6%) e Bolzano (46%).  Grande l’importanza della famiglia dove si apprende l’abitudine alla lettura. Non a caso legge libri il 69,7% dei ragazzi con entrambi i genitori lettori. E sono i giovani tra gli 11 e i 14 i “forti” lettori di libri. Anche negli adulti tra 55 e 74 anni si registrano percentuali di lettura superiori rispetto alla media. Dall’indagine emerge poi che i lettori “forti”, che hanno letto almeno un libro al mese, sono la parte minore, ovvero il 5,7%. Questo è invece il commento di Giovanni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi Aie e curatore del programma professionale di Tempo di Libri “Continuiamo a essere un mercato piccolo per confrontarsi con le altre grandi editorie europee. I bassi indici di lettura a loro volta influiscono sui fattori di innovazione del Paese e sulla sua crescita economica”.

Previous ATTENTATO DI DORTMUND: ARRESTATO IL VERO COLPEVOLE, SI TRATTA DI 28ENNE DI ORIGINE RUSSA
Next CHAMPIONS LEAGUE , SORTEGGI DELLE SEMIFINALI : LA JUVE PESCA IL MONACO . DERBY DI MADRID TRA ATLETICO E REAL

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Arterrima presenta la mostra di Francesco Paolantoni

Arterrima, la contemporary house gallery di Caserta, (Corso Trieste 167) presenta la mostra personale di Francesco Paolantoni, dal titolo “Il dado e il tratto”. Il vernissage è in programma per

Cultura

FERRERO : C’E’ NAPOLI NELLO SPOT DEL CIOCCOLATINO ROCHER

Ferrero sceglie Napoli per la sua nuova campagna pubblicitaria. Tramontata l’era di Ambrogio e la signora in giallo (chi non ricorda lo slogan “Ambrogio avrei un leggero languorino!”) l’industria dolciaria

Economia e Welfare

SI SFATA UN MITO: BERE 8 BICCHIERI DI ACQUA AL GIORNO DA MALE

Bere otto bicchieri almeno (l’equivalente di circa 2/2,5 litri di acqua al giorno) è uno dei consigli più comuni da seguire se si vuole restare in forma ed essere in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi