SHOAH:ABBIAMO LA MEMORIA LUNGA.NUMERI E FATTI DI UNA FOLLIA,DI UN GENOCIDIO,DI UN ORRORE.

Il 27 Gennaio di ogni anno si celebra la Giornata della memoria,una delle pagine più tristi della nostra storia.  Anniversario della liberazione del lager di Auschwitz. Numeri e fatti di una follia,di un genocidio,di una vergogna,di una pagina buia,di un orrore.L’Olocasuto,la Catastrofe (Shoah) indica il genocidio perpretato dalla Germania nazista e dai suoi alleati nei confronti degli Ebrei d’Europa e verso tutte le categorie ritenute “indesiderabili”,che causò la morte di 15 milioni di persone tra cui 6 milioni di ebrei.
Nella giornata della memoria,mentre manteniamo vivo il ricordo della Shoah,diamo un valore mistico a quei luoghi,lì ci sono le nostre impronte.
Ricordare anche i tanti italiani razzisti ai tempi della Shoah,riconoscerlo è un buon antidoto alla retorica delle celebrazioni.
Fare memoria,rendere attuale oggi,per tenere alta l’attenzione contro ogni forma di razzismo e discriminazione culturale,sociale,politica e religiosa.
Una giornata sulla vita e non sulla morte,di figli che danno voce ai nonni e ai padri ma anche a se stessi e alle proprie lacerazioni.
Per non cancellare gli orrori della guerra e i ricordi dei lager.

Previous EAV, Adeguamento infrastruttura a norme di sicurezza ANSF
Next Vo’on the Folks - XXII edizione

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

CHAMPIONS LEAGUE , BENFICA-NAPOLI 1-2 . GLI AZZURRI CONQUISTANO IL PRIMO POSTO E VOLANO AGLI OTTAVI .

Cuore , grinta e mentalità ! Questi gli ingredienti che hanno permesso al Napoli di espugnare il Da Luz di Lisbona e conquistare il primo posto nel girone grazie alle

ultimissime

Coronavirus: riduzione sulle bollette e più fondi per i carcerati, questa la bozza del nuovo decreto

Il governo sta lavorando ad un nuovo decreto per contenere la diffusione del coronavirus. Allo studio una serie di misure con lo slittamento delle amministrative e del referendum. “Noi come

Qui ed ora

Scontro social tra Di Maio e Saviano sui migranti .Di Maio: “Ipocrita chi difende le ong”. Replica Saviano: “Cerca voti di chi li vuole morti”

Dopo l’infelice uscita di Luigi Di Maio, che aveva definito le imbarcazioni che portano i migranti “i taxi del Mediterraneo” – dimenticando i tanti migranti morti nella traversata – arriva su

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi