Si chiama “Ok, ci sei” la nuova app che aiuta a non dimenticare i figli in auto

Si chiama ‘Ok Ci Sei!’ ed è un sistema che consente di gestire in modo integrato e informatizzato le presenze dei bambini nei nidi d’infanzia, fornendo, tra le varie funzioni, anche un valido aiuto nel caso di amnesie dissociative, e può portare un genitore a dimenticare il figlio in auto. Il progetto, promosso dall’associazione “Gaia Onida”, entra ora in una nuova fase di sviluppo, grazie alla collaborazione tra due start up del Polo tecnologico di Navacchio (Pisa).
Grazie all’installazione negli asili nido di un apposito dispositivo, ‘Ok Ci Sei!’ permette di gestire le presenze dei bambini tramite registro informatico in modo semplice, veloce ed efficace. Se il bambino risulta assente e l’assenza non è giustificata, il sistema invia alert, email e sms sui telefoni cellulari di entrambi i genitori.

‘Ok Ci Sei!’, spiega una nota del Polo, “è già stato sperimentato con successo in due asili nido del Comune di Rosignano Marittimo (Livorno) dal dicembre scorso” e “per rendere ancora più semplice e più efficace l’utilizzo del sistema, sono in fase di sviluppo un software e un’app mobile dedicati, che consentono di gestire comunicazioni e notifiche anche da remoto”.

Previous Google Alphabet cresce
Next M5S,CAMMARANO:" FONDI UE, NEI GAL SINDACI E AMMINISTRATORI IN CONFLITTO DI INTERESSE." ESPOSTO ALL'ANAC.

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Tutela dell’ambiente e promozione della salute

«Finalmente i medici della Campania comprendono l’importanza di tutelare la salute affrontando energicamente  il grave impatto ambientale che incombe sulla terra dei fuochi». A parlare è Gaetano Rivezzi, coordinatore Isde

Approfondimenti

LAS VEGAS :ARRIVANO LE AUTO DEL FUTURO!

Guida autonoma, veicoli connessi, auto ‘telepatiche’ che leggono il pensiero del conducente o capaci i di imparare a guidare da sole. Sono queste le innovazioni che si potranno ammirare al prossimo

Approfondimenti

FACEBOOK: DI NUOVO SOTTO ACCUSA PER LA PUBBLICITA’ RAZZISTA

Dopo le accuse di pubblicità “razzista”, Facebook sotto i riflettori negli Usa anche per annunci di lavoro indirizzati a utenti di certe fasce d’età, per lo più giovani. A sollevare

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi