SI E’ CONCLUSA CON SUCCESSO LA XXIII EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL CINEMA LINEA D’OMBRA

Salerno: dopo otto giorni intensi dedicati al cinema e ai racconti dei tanti protagonisti (con 170 titoli in proiezione e 70 appuntamenti in palinsesto) si è conclusa la XXIII edizione del festival LINEA D’OMBRA, storica iniziativa che si è svolta a Salerno dall’8 al 15 dicembre 2018.

Da parte del direttore artistico Luigi Marmo e dal Presidente dall’Associazione SalernoInFestival Peppe d’Antonio va un grazie enorme ai protagonisti e soprattutto ai circa 200 giurati (formati da studenti universitari, studenti di scuole superiori e dal pubblico) che hanno dato un senso compiuto ai concorsi.
Grazie ai registi del calibro di Gipi, Antonio Capuano, Luca Miniero e gli attori Paolo Ruffini, Biagio Izzo, Tony Tammaro e alla sceneggiatrice Monica Vittucci che con i loro incontri dedicati “agli eori della loro vita” hanno raccontato i sogni, la speranza e le visioni che trasmettono nei loro lavoro cinematografici.
Un grazie particolare ai racconti e alle analisi lucide e veritiere dei giornalisti Amedeo Ricucci e Fouad Roueiha che ci hanno catapultato in una visione completa della drammatica, e complessa, faccenda socio-politica del medio oriente e a Sabaku No Maiku per averci aperto una finestra sul mondo del videogioco come prodotto artistico.

E infine grazie al pubblico, oltre 4500 presenze, e a tutti partecipanti ai concorsi dove svettano i vincitori di questa edizione:

Miglior cortometraggio sezione CortoEuropa – Giuria Popolare: “THE INVISIBLE HAND OF ADAM SMITH” di Slobodan Maksimovic (Slovenia)
Miglior cortometraggio sezione CortoEuropa – Giuria Esperti: “BACKGROUND” di Tony Bestard (Spagna)
Menzione speciale cortometraggio sezione CortoEuropa – Giuria Esperti: “WITHOUT WATER” di Eneos Çarka (Albania)
Miglior cortometraggio animato sezione VedoAnimato – Giuria Junior: “THE N.A.P.” di Adolfo Di Molfetta (Italia)
Miglior cortometraggio animato sezione VedoAnimato –Giuria Esperti:“THE BIRD & THE WHALE” di Carol Freeman (Irlanda)
Menzione speciale cortometraggio animato sezione VedoAnimato Giuria Esperti: “GOODBYE MARILYN” di Maria Di Razza (Italia)
Miglior documentario sezione LineaDoc– Giuria Giovane: “IL PITTORE DELLA TENDA” di Renato Lisanti (Italia)
Miglior video verticale sezione VedoVerticale – Giuria Junior: “IL NOME CHE MI HAI SEMPRE DATO” di Giuseppe Alessio Nuzzo (Italia).

Previous NUOVO VOTO DELLE NAZIONI UNITI CONTRO LA PENA DI MORTE
Next Manovra: l'Ue non avvierà la procedura nei confronti dell'Italia. Conte: 'Nessun cedimento'

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

ABOLIRE I CAMPI ROM OPPURE OFFRIRE ALTRE OPPORTUNITA’?

Nel corso della trasmissione televisiva “La Gabbia” condotta da Gianluigi Paragone è stata proposta ai presenti la seguente domanda: “Bisogna abolire i campi Rom: SI’ o NO? La stragrande maggioranza

Officina delle idee

Titta, sorella di Genny Cesarano, diventa modella per un murale al Rione Sanità

Il rione Sanità si tinge di colori e speranza. Lo street artist messicano Addi ha lasciato la sua firma a piazza dei Miracoli. Il soggetto dell’opera è Titta Cesarano, sorella

Officina delle idee

VIAGGIO NELLA NAPOLI CHE NESSUNO SI ASPETTA TRA MISTERO ED ENORME BELLEZZA

Il Tunnel Borbonico, già ribattezzato Galleria Borbonica, prende il nome dal re Ferdinando II di Borbone che nel 1853 ne avviò la realizzazione allo scopo di creare un collegamento segreto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi