Smart speaker,oltre 50% case Usa in 2020

Entro la fine del prossimo anno, negli Stati Uniti le case in cui è presente almeno uno smart speaker supereranno per numero quelle in cui ancora gli altoparlanti ‘intelligenti’ non sono entrati. Lo prevedono i ricercatori di Strategy Analytics, secondo cui nella seconda metà del 2020 il tasso di penetrazione passerà la soglia del 50%.

Stando agli analisti, entro il 2023 altri sette Paesi – ma non l’Italia – avranno smart speaker in oltre la metà delle abitazioni. Sono Regno Unito, Irlanda, Canada, Corea del Sud, Australia, Germania e Francia. “L’interazione vocale diventerà uno stile di vita per la maggioranza della popolazione in molti Paesi importanti”, osserva l’analista David Watkins, secondo cui “ciò rappresenta nuove opportunità per i brand e le imprese per creare migliori relazioni con i clienti”.  Sempre in base alle previsioni, le consegne mondiali di smart speaker registreranno una crescita superiore al 50% nel corso del 2019, raggiungendo i 130 milioni di unità.

Previous Alto Patrocinio del Parlamento Europeo per il Premio “Penisola Sorrentina
Next La Cassazione: "Se c'è pericolo non si può negare l'asilo a un migrante"

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

RELIGIONE ED ECONOMIA

Lunedi, 18 gennaio 2016, si è reso noto il tutto il mondo il rapporto dell’Oxfam che ha per titolo: “Un’economia al servizio dell’1%”. Questo significa che l’economia mondiale si sta

Officina delle idee

L’AVANZATA DEL POPULISMO ANTI-IMMIGRATI IN GERMANIA CI SALVERÀ?

Dopo l’attacco terroristico alle Torri Gemelle nel 2001, non era difficile prevedere che Bush avrebbe avuto gioco facile anche alle successive elezioni presidenziali del 2004, in un clima di paura

Officina delle idee

A.Orlando: “Il ddl sugli ecoreati un’ottima risposta alle molte ferite del Paese”

In 22 anni sono stati sversati nella Terra dei Fuochi circa 10 milioni di tonnellate di veleni. Dal 1991 al 2013 sono state avviate 82 inchieste per traffico di rifiuti,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi