Smartphone in calo nel 2018, è la prima volta

Il mercato mondiale degli smartphone registra la prima flessione annuale da quando è nato, una decina d’anni fa su impulso dell’iPhone di Apple. Secondo le stime di Strategy Analytics, il 2018 si è chiuso con consegne in flessione del 5% rispetto all’anno precedente. Il settore sconta cinque trimestri consecutivi in calo, con l’ultimo – il periodo da ottobre a dicembre – in diminuzione del 6%.

Stando agli analisti, l’anno scorso sono stati messi in commercio 1,43 miliardi di smartphone, a fronte degli 1,51 miliardi del 2017. A pesare, secondo gli esperti, sono le condizioni economiche, la mancanza di prodotti accattivanti ma anche i tassi di sostituzione più lunghi. In pratica le persone non cambiano più così spesso il vecchio telefonino con un nuovo modello.

Nel 2018 Samsung, leader del mercato, ha consegnato 291,3 milioni di smartphone, seguita da Apple con 206,3 milioni e da Huawei, vicinissima con 205,8 milioni di dispositivi. Le aziende sul podio si caratterizzano però per andamenti diversi. Le consegne annuali si Samsung e Apple sono diminuite rispettivamente dell’8% e del 4,5% rispetto al 2017, mentre quelle di Huawei sono aumentate del 35%.

Previous AFFOSSAMENTO USA DEL TRATTATO INF E COMPLICITA’ EUROPE
Next Nasce a Piaggine l’associazione culturale RADICI&CULTURA musica, fotografia, danza e arte

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

PENSIONI: LE DONNE PRENDONO 455 EURO DI PENSIONE IN MENO RISPETTO AGLI UOMINI

Nel 2016,  le donne rappresentano la maggioranza dei pensionati infatti sono il 52,7%, a 8,5 milioni,  ma percepiscono in media un importo mensile notevolmente baso rispetto  a quello degli uomini:

Economia e Welfare

NAPOLI: LA GUARDIA DI FINANZA SEQUESTRA TRE LIDI BALNEARI , DEL TUTTO ABUSIVI

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno sequestrato, nell’area  di via Coroglio, numerosi lettini, ombrelloni, tavoli e sedie utilizzati da 3 stabilimenti balneari totalmente abusivi.

Economia e Welfare

M5S : Conflitti di interessi di amministratori locali, a rischio 109 milioni di fondi Ue

A causa della mancanza della dichiarazione di inconferibilità e incompatibilità di cariche tra sindaci e presidenti dei Gruppi di Azione Locale destinatari dei fondi Psr 2014-2020, la Campania rischia di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi