Solo il 2% degli italiani, e in media il 5% degli europei, rifiuta i cookies

Solo il 2% degli italiani, e in media il 5% degli europei, rifiuta i cookies e la conseguente raccolta dei dati personali per ricevere pubblicità personalizzate quando si trova su un sito di informazione. E’ quanto emerge da un rapporto realizzato da Teads, The Global Media Platform, che fornisce a buona parte dei principali editori mondiali una piattaforma di gestione dei consensi sul trattamento dei dati personali dei loro utenti, resasi necessaria con le nuove regole sulla privacy Ue del Gdpr. Quando si tratta quindi di fornire il proprio consenso all’utilizzo dei cookie per ricevere pubblicità più personalizzate, solo una piccola percentuale di utenti rifiuta di dare i propri dati per una profilazione: si aggira attorno al 5% in tutta Europa con un tasso di poco più alto nel Regno Unito (7%) ed è, invece, più bassa, in Francia (4%), Olanda (3%), Spagna e Italia (2%).

Previous DL SEMPLIFICAZIONI, APPRODERA' IN AULA ALLA CAMERA IL 5 FEBBRAIO
Next NAPOLI-SAMPDORIA :3-0. SHOW DEGLI AZZURRI CHE BLINDANO IL SECONDO POSTO IN CLASSIFICA

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

MEGLIO PREVENIRE CHE CURARE: “LA MICROCRIMINALITA’ E’ PREOCCUPANTE”

Domani, alle 11.30 presso la Città della Scienza, sala Archimede un seminario dal titolo “La povertà culturale, il disagio minorile.“meglio prevenire che curare “Riflessione e confronto partecipati per la valorizzazione

Economia e Welfare

PARTE LA VIII EDIZIONE DI SHIPPING AND THE LAW, LA DISCUSSIONE SUL CONMERCIO MARITTIMO MONDIALE

La  ‘VIII edizione di Shipping and the Law che  porta in primo piano la discussione sugli scenari del commercio marittimo mondiale, stretto tra la crisi del credito, il neo-protezionismo, l’allarme

Economia e Welfare

UN TAVOLO DI MIGRANTI AFRICANI IN PREFETTURA A NAPOLI

Una delegazione di una quindicina di migranti e rifugiati africani, accompagnati dall’Associazione 3 febbraio, da rappresentanti delle ACLI ed altre associazioni, sono stati ricevuti giovedì 9 luglio dal Prefetto vicario

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi