Spaccatura a Palazzo Madama:il Senato decide sul calendario. Conte in aula il 20 agosto, Salvini minaccia di ritirare i ministri

La crisi di governo arriva in Senato ed è subito scontro sul calendario. La conferenza dei capigruppo ha fissato per martedì 20 agosto le comunicazioni del premier Giuseppe Conte e il conseguente voto sulla mozione di sfiducia della Lega. Una decisione presa a maggioranza da M5S, Pd e gruppo Misto. Contrari Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che invece hanno chiesto di votare la sfiducia mercoledì 14. Sul calendario voterà martedì alle 18 l’Aula per una decisione della presidente Casellati fortemente criticata da Cinquestelle e Dem. Il fatto che la decisione della capigruppo non sia stata presa all’unanimità richiederà un passaggio in Aula nel corso del quale sarà sottoposta al voto anche la calendarizzazione della mozione di sfiducia. Sarà battaglia all’ultimo voto dove, almeno sulla carta, numericamente dovrebbe prevalere la “nuova maggioranza” Pd-M5s. Salvini, che martedì incontrerà Berlusconi a conferma di un centrodestra tornato compatto, prova ad accelerare i tempi della crisi minacciando apertamente il ritiro della delegazione leghista al governo. Una mossa che costringerebbe senza altre alternative Giuseppe Conte ad annunciare le dimissioni martedì della prossima settimana in Aula. “Siamo pronti a tutto – tuona Salvini -, non siamo attaccati alle poltrone, lo vedrete nelle prossime ore”, dice il ministro dell’Interno dopo l’assemblea con i suoi parlamentari. “Mi affido alla saggezza del Presidente della Repubblica – aggiunge -: è evidente che non c’è un’altra maggioranza“. Intanto si alimentano tra i Cinquestelle e il Pd i sospetti contro la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, accusata di aver provocato una forzatura nel tentativo di far calendarizzare la mozione di sfiducia del centrodestra nei tempi richiesti da Salvini. “Una forzatura inaudita”, è la posizione dei Dem. “Loro vogliono solo prendere tempo per mantenere le poltrone”, replica il capogruppo della Lega Massimiliano Romeo.
Nel Pd tiene banco il dissidio interno sulla proposta Renzi. “Restiamo uniti, non è credibile l’ipotesi di un governo per fare la manovra economica e portare poi alle elezioni – dice il segretario Nicola Zingaretti -, sarebbe un regalo a una destra pericolosa che tutti vogliono fermare”. Ma i gruppi parlamentari a netta prevalenza renziana sono tentati. E proprio Renzi annuncia che martedì prima del voto in Senato terrà una conferenza stampa per illustrare la sua posizione sul governo istituzionale.
A bocciare l’ipotesi di un tavolo tra Dem e Cinquestelle arrivano anche le parole del vicepremier Luigi Di Maio. “Nessuno vuole sedersi al tavolo con Renzi – dice nel corso di una diretta su Facebook -. Sento parlare di aperture o di chiusure ma il M5s vuole solo una cosa: che si apra al taglio dei parlamentari. Ci aspettiamo che la Camera possa votare la legge”.

Previous Difesa dell’ambiente, a Portici si riscoprono gli orti urbani
Next Caserta, picchia la moglie anche durante le cure oncologiche: arrestato

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Carceri | Ciambriello denuncia l’emergenza e gli eventi critici nel carcere di Ariano Irpino

Samuele Ciambriello, garante campano dei detenuti in un comunicato denuncia che:“Un giovane detenuto nel carcere di Ariano Irpino (Avellino) Raffaele Amato, si è dato fuoco all’interno della sua cella. Era

ultimissime

M5S E LEGA: SI TRATTA PER IL VERTICE

Giorni importanti per il governo italiano. Le ultime consultazioni si arricchiscono di nuove schermaglie e infatti molto accesi sono i dialoghi e le discussioni che porteranno un dei due partiti

ultimissime

NAPOLI , PRESENTATO IL PIANO D’AZIONE PER I DIRITTI UMANI

L’Italia è tra i primi Paesi ad attuare le linee guida del Piano d’Azione nazionale su impresa e diritti umani. Cosi si  è Fabrizio Petri, presidente del Comitato interministeriale sui

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi