Sport e disabilità. L’Italia alla prima edizione di Invictus Games a Londra

“Gli Invictus Games rappresentano una nuova sfida e un nuovo modo per continuare a servire il Paese. Abbiamo dimostrato il massimo impegno sempre in tutte le occasioni in cui come soldati siamo stati chiamati ad intervenire”. Così la Medaglia d’Oro al Valor Militare, Tenente Colonnello  Gianfranco Paglia che ha ricevuto dalle mani dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dalla ministra Roberta Pinotti la bandiera italiana come simbolo del Paese a Londra. E’ qui, infatti, che si svolgerà la prima edizione di Invictus Games, i giochi paralimpici. Il Tricolore accompagnerà il team composto da militari disabili ai Giochi internazionali paralimpici organizzati dalla Royal Foundation, fondata dal Principe Harry, dal Duca e dalla Duchessa di Cambridge insieme al Ministero della Difesa britannico,  in programma a Londra dal 10 al 14 settembre.

«Continueremo a servire il Paese anche a Londra – ha detto il capitano ed alfiere della squadra – sebbene in maniera diversa, per portare avanti una battaglia di impegno civile e sociale. Come sempre, prima ancora del risultato, quello che conta è la determinazione e volontà di dare tutto il possibile facendo il proprio dovere di uomini-soldati ed atleti». Paglia ha poi puntualizzato: «Il binomio sport e disabilità è un tema al quale la Difesa italiana da tempo guarda con molta attenzione. Per questo motivo a Roma è stato firmato un protocollo d’Intesa tra il CIP (Comitato italiano paralimpico) e il Ministero della Difesa per facilitare la pratica sportiva a tutti i militari rimasti feriti nell’esercizio del proprio dovere.  Ad ispirare l’interesse del dicastero, la certezza che la disabilità trova un alleato irrinunciabile nello sport»

Agli Invictus Games parteciperanno oltre 400 atleti provenienti da 14 diversi Paesi – tra cui Afghanistan, USA, Regno Unito, Francia, Nuova Zelanda – che si sfideranno in 9 discipline paralimpiche presso il Queen Elizabeth Olympic Park e il Lee Valley Athletics Centre.

Le discipline praticate sono: atletica, basket in carrozzina, ciclismo, sollevamento pesi, canottaggio coperto, tiro con l’arco, nuoto, pallavolo da seduti e rugby in carrozzina.

Di origini casertane Gianfranco Paglia sottotenente paracadutista ha partecipato alla missione UNOSOM II in Somalia. Nella battaglia del pastificio a Mogadiscio il 2 luglio 1993 è stato gravemente ferito e ha perso l’uso delle gambe. Per la sua azione in combattimento ha ricevuto la medaglia d’oro al valor militare. Nonostante l’invalidità ha continuato a prestare servizio nell’Esercito e attualmente riveste il grado di tenente colonnello. Nel 2008 è stato eletto deputato nel Popolo della Libertà. Membro della commissione Difesa, nell’agosto del 2010 aderisce insieme ai finiani al gruppo parlamentare Futuro e Libertà per l’Italia. Alle elezioni del 2013 non è stato rieletto. La sua storia ha ispirato la fiction Le ali, trasmessa dalla Rai nel 2008.

Previous Un campeggio nel cuore di Scampia
Next Vacanze al Museo: ad agosto è boom di visite

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Italia in recessione, Visco: “fattori di rischio rilevanti, di origine sia internazionale che interna”

Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco all’Assiom Forex che per il 2019 vede “fattori di rischio rilevanti, di origine sia internazionale che interna”. Visco, che individua nello scontro con l’Ue sulla

Economia e Welfare

Amazon svolge anche attività postali, e riceve una multa da Agicom

Amazon svolge anche attività postali, quali la logistica e la consegna di pacchi. Una multa di 50mila euro è stata comminata ad Amazon Italia Logistica, di 100mila ad Amazon Italia Transport

Economia e Welfare

Venezuele, il presidente Maduro scrive al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il presidente Nicolás Maduro, ha firmato due lettere, in indirizzo una al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e l’altra al Segretario Generale, António Guterres. Le due missive sono scaturite

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi