STATI UNITI , TRUMP VOLA IN ARABIA : AFFARI , ARMI E GEOPOLITICA

Armi, affari e geopolitica. Sono questi gli elementi che  verranno  serviti sabato e domenica a Riad in Arabia Saudita. L’Arabia Saudita ha infatti invitato 17 leader arabi per partecipare a un vertice “arabo-islamico con gli Stati Uniti” in programma nella sua capitale Riad durante la prima visita nel regno del presidente americano Donald Trump in programma per il 21 maggio. Tra i leader arabi invitati ufficialmente da Riad figurano i presidenti di Tunisia e Yemen oltre al sovrano del Marocco ed il premier iracheno. Era stato invitato anche il presidente sudanese Omar al-Bashir, tuttora ricercato per crimini di guerra e contro l’umanità dalla Corte penale internazionale. Personaggio certamente grato a Riad e Washington per l’alleggerimento delle sanzioni a Khartum già avviato dal predecessore di Trump, Barack Obama. Dopo le rimostranze dell’ambasciata americana di Khartoum (mercoledì aveva dichiarato: «Siamo contrari a inviti, facilitazioni o supporto al viaggio di individui ricercati dalla Corte penale internazionale, compreso il presidente Bashir»), il presidente sudanese ha declinato l’invito al summit di Riad «per motivi personali» affidando al ministro Taha al-Hussein il compito di rappresentarlo. E se il summit nel Golfo avverrà esattamente il giorno dopo le elezioni presidenziali in Iran (grande nemico saudita e bersaglio anche degli strali di Trump per l’accordo sul nucleare favorito da Obama), sarà però anche occasione per il tycoon della Casa Bianca di fare “affari”. L’Arabia Saudita è infatti pronta a investire 40 miliardi di dollari negli Usa per “finanziare” (come aveva fatto in altre occasioni) operare pubbliche dell’Amministrazione Trump, una sorta di “new deal” in salsa trumpiana: in particolare infrastrutture stradali. Un annuncio, secondo ambienti finanziari, che avverrà proprio in occasione del vertice. Ma non basta: gli Usa sono vicini a chiudere una serie di accordi per vendere oltre 100 miliardi di armamenti all’Arabia Saudita. Il pacchetto, secondo fonti della Casa Bianca, potrebbe superare i 300 miliardi di dollari in 10 anni «per aiutare Riad a rafforzare le sue capacità difensive». Non poco per uno scenario incandescente che vede Iran, Iraq, Israele ed Arabia Saudita coinvolti in una escalation di forza per ridisegnare gli equilibri regionali.

Dal sito “L’Avvenire “

Previous Ambiente, M5S: Ex deposito di fitofarmaci Agrimonda, sindaci fanno slittare conferenza dei servizi
Next CALCIOMERCATO INTER , INIZIA IL TOTO ALLENATORE : DA SPALLETTI A SARRI

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

EX CENTRALE NUCLEARE DEL GARIGLIANO, PEDICINI (M5S): “I CAMPANI PRESENTINO OSSERVAZIONI ALLA VAS PER IL PROGRAMMA NAZIONALE SUI RIFIUTI RADIOATTIVI”

Nonostante siamo nel pieno delle vacanze estive, proprio in questi giorni, anche la Campania potrebbe dire la sua sul grave problema delle scorie radioattive presenti nella ex centrale nucleare del

Qui ed ora

Alitalia: risultato finale, il “no” al referendum vince con il 67%. Si apre la strada al commissariamento.

I lavoratori di Alitalia, chiamati ad esprimersi con il referendum, dicono NO al preaccordo per il salvataggio, aprendo così la strada al commissariamento della compagnia. Il “no” al preaccordo per il

Qui ed ora

VISCO:” L’ESPERIENZA ITALIANA DEGLI ULTIMI ANNI HA DIMOSTRATO QUANTO SIA IMPORTANTE DISPORRE DI SUFFICIENTI CONOSCENZE DI BASE DEI PRODOTTI E DEGLI STRUMENTI DISPONIBILI SUI MERCATI PER EVITARE DI ESSERE PENALIZZATI NELLE SCELTE DI RISPARMIO”

“La diffusione della cultura e lo sviluppo delle conoscenze hanno acquisito fondamentale importanza anche in campo finanziario  . Anche alla luce dei grandi e assai rapidi cambiamenti economici, sociali, demografici

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi