SVOLTA NELLE INDAGINI PER L’AGGRESSIONE E IL FERIMENTO DI GAETANO, RAGAZZO PESTATO NEI PRESSI DI CHIAIANO. LA POLIZIA HA FERMATO 9 RAGAZZI INCENSURATI

Vi è stata una svolta nelle indagini per l’ aggressione e il ferimento di Gaetano, il 15enne pestato nei pressi della stazione della metropolitana di Chiaiano, a Napoli, lo scorso 12 gennaio. La Polizia ha fermato nove ragazzi, tra i 14 ed i 17 anni, tutti incensurati, sei dei quali iscritti ad istituti scolastici, ritenuti responsabili, a vario titolo, dell’aggressione. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip del tribunale dei minorenni di Napoli, ed eseguiti dagli agenti dei commissariati di Scampia e Chiaiano. Per otto degli indagati è stata disposta la collocazione in una comunità, mentre per un altro, dal momento che è minore di 14 anni, è stata applicata la misura della permanenza in casa.

Sono stati identificati grazie alle telecamere di sorveglianza della zona e alla decisione di alcuni indagati di riferire i particolari dell’aggressione. Dall’analisi dei filmati è emersa la presenza dei dieci ragazzi, tutti identificati, che alle ore 18.30 di quel 12 gennaio aggredirono in branco, e senza motivazione, il malcapitato Gaetano.

 Appare pienamente soddisfatto il sindaco Luigi de Magistris: “Voglio congratularmi con la magistratura e la Polizia di Stato per aver assicurato alla giustizia i presunti responsabili della vile e criminale aggressione al giovane Gaetano al quale va l’abbraccio forte mio e della città di Napoli”. 
Previous NAPOLI , TRA RECORD E L'OBIETTIVO CHIAMATO SCUDETTO!
Next Orlando inaugura un nuovo padiglione a Poggioreale, Ioia: “In altri padiglioni condizioni drammatiche”

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

2 giugno: Mattarella all’Altare della Patria, poi parata ai Fori Imperiali

Con l’arrivo del capo del Stato, Sergio Mattarella, all’Altare della Patria sono ufficialmente iniziate le celebrazioni per la Festa della Repubblica. Accompagnato dal ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, e dal

ultimissime

GOVERNO, SALVINI E DI MAIO PUNTANO A SAVONA MA CONTE AFFERMA “NO A DIKTAT”

“Lasciamo a Conte l’onore e l’onere di proporre i nomi e i ruoli di chi si farà carico di realizzare quello che gli italiani aspettano“, ha dichiarato il leader della

ultimissime

Whirpool: entro il 31 ottobre chiuderà lo stabilimento di Napoli

L’amministratore delegato di Whirlpool per l’Italia, Luigi La Morgia, conferma la cessazione dell’attività dello stabilimento di Napoli “entro il 31 ottobre” al tavolo con il governo, le istituzioni e i sindacati,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi