Tenta di violentare l’autista su un bus, bambina chiama il 113

Ha tentato di violentare l’autista donna di un autobus, ma è stato messo in fuga dall’intervento di un pensionato: poi, l’allarme dato da una bambina di 10 anni, che ha chiamato il 113 con il telefono della nonna, ha consentito alla polizia di rintracciare e arrestare l’aggressore, un nigeriano di 31 anni, irregolare in Italia. Il fatto è accaduto a Vicenza. Per bloccare l’uomo, Isaiah Ogboe, gli agenti hanno usato lo spray urticante.

Si è poi scoperto che lo straniero aveva già aggredito alcuni giorni fa due agenti della Polfer, che l’avevano trovato su un treno senza biglietto. Ogboe dovrà rispondere di violenza sessuale aggravata, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale. La vittima, una autista dipendente della Svt, stava per ripartire alla guida del tram dopo una breve sosta, quando è stata aggredita dallo straniero, che ha tentato di violentarla mettendosi a cavalcioni su di lei e cercando di sfilarle i pantaloni.

Previous Microsoft, nuove tecnologie sfida per crescita Italia
Next "Da Massimo in poi ..." Nel 25esimo anniversario della scomparsa, Al via il progetto di recupero dei lavori del Premio Troisi

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Maria Grazie Di Scala(FI):”Per natura e per professione sono garantista. I giudizi spettano alla magistratura”

Maria Grazia Di Scala, consigliere regionale di Forza Italia, è intervenuta a “Dentro i fatti”, settimanale di approfondimento politico e culturale, in onda ogni lunedì dalle 13 alle 14 sulle

Qui ed ora

LA 29esima edizione del Premio Charlot .Il Governatore De Luca :“Puntiamo a farne un evento che duri tutto l’anno, rendendolo elemento permanente della vita culturale del nostro territorio”.

IL Premio Charlot un  kermesse di comicità, cultura e spettacolo ,  ogni anno premia volti noti e nuove promesse della comicità italiana per Cinema, Teatro, Televisione e Fiction. Un evento

Qui ed ora

Omicidio di Luca Sacchi, interrogati due sospetti: spunta la pista della droga. Alfonso Sacchi: “Mi auguro che lo prendano. Ma Luca chi me lo ridà indietro?”

Le forze dell’ordine hanno fermato nella notte due persone sospettate di essere responsabili dell’omicidio di Luca Sacchi, morto in ospedale a Roma giovedì dopo un’aggressione fuori da un pub. I due,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi