Teologia del dovere e della fede

Nell’omelia rivolta da Papa Francesco ai parlamentari italiani che hanno partecipato alla messa mattutina di mercoledì 26 marzo, più della strigliata alla casta enfatizzata dai media, si coglie un ampio insegnamento sulle ideologie e le responsabilità delle classi  dirigente non solo politiche. A nostro avviso, questa parte del discorso ha una portata interpretativa delle stesse ideologie recenti che hanno presieduto o presiedono ai percorsi della religiosità.

Papa Francesco ricorda che le classi dirigenti, politico-religiose, del tempo di Gesù si erano allontanate dal popolo, incapaci di altro se non di seguire la propria ideologia. Hanno sbagliato strada così sono scivolate da una “teologia della fede” ad una “teologia del dovere”.

Il rifiuto dell’amore del Signore li ha condotti su una strada che non era quella della “dialettica della libertà” che offriva il Signore, ma quella della “logica della necessità”, dove non c’è posto per il Signore. Nella dialettica della libertà c’è il Signore buono, che ci ama tanto.  Invece, nella logica della necessità non c’è posto per Dio: si deve fare. Sono diventati ‘comportamentali’. Uomini di buone maniere, ma di cattive abitudini che Gesù chiama ‘sepolcri imbiancati’.

Queste considerazioni aiutano ad illuminare e  discernere cammini di religiosità e spiritualità ispirati alla logica della necessità che nei decenni trascorsi, per responsabilità in alto e basso, hanno modellato generazioni di cristiani da parte dei “dotti del dovere”  e non sono stati  ispirate alla dialettica della libertà.

Domenica  scorsa, quarta di quaresima, mentre stavo dando la pace ai fedeli si avvicina una coppia di persone di mezza età ben vestite che preoccupata mi domanda mentre stringo le mani: “Padre, Siamo arrivati in ritardo, ci vale la Messa?”

Non  essendo il momento di  lunghe spiegazioni, faccio riferimento al discernimento della loro coscienza e che cosa vogliono dare al Signore. Non credo che si siano tranquillizzate, perché a fine Messa  mentre lascio la Chiesa mi domandano: “A che ora è la prossima Messa? ”.  Sono rimaste attaccate alla logica della necessità, del dovere, dell’osservanza del precetto, cosa buona ovviamente, e non a quella dell libertà di fronte a Dio, dell’animo che eleva a Lui, al suo mistero.

Anche queste persone sembrano  “comportamentali” e c’è da augurarsi  che possano pacificarsi  nella dialettica  della libertà.

Previous Vinitaly: spazio all'eccellenza campana
Next Investire nello studio

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

GRAGNANO: RITORNA, L’APPUNTAMENTO CON “GIRI DI PASTA””

Dopo l’apertura avvenuta con successo poco più di un anno fa nel centro storico di Napoli, in via dei Tribunali 73, “Giri di Pasta” l’innovativo format delle frittate di pasta, vincitore del

Officina delle idee

Officine Musicali presenta ‘INT ‘O RIONE

Il meglio della scena Urban Napoletana tutta insieme nel giorno dedicato alla Donna. “Uomini, donne e bambini. Una grande festa per le famiglie!” A far cantare e ballare il pubblico

Officina delle idee

Valente:”De Magistris e l’uso improprio e populista degli immobili comunali”

Come si fa la “Rivoluzione” arancione: Lasciate occupare svariati immobili da movimenti politici antagonisti. Stanziate nella manovra di assestamento 300mila euro per la manutenzione straordinaria di immobili destinati al disagio

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi