TERREMOTO ,MATTARELLA PRESENTE ALL’AQUILA PER LA RIAPERTURA DELLA CHIESA DELLE SANTE ANIME

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato all’Aquila, a quasi 10 anni dal terremoto, alla riapertura di una chiesa simbolo della città, Santa Maria del Suffragio, detta delle Anime Sante, la cui cupola crollo’ in diretta tv nel 2009. Ad accogliere Mattarella una piazza piena con circa mille bambini, alcuni nati nel 2009. La chiesa è stata ristrutturata con un finanziamento congiunto dei governi francese e italiano.

Il lavoro più imponente ha riguardato la cupola completamente crollata per il sisma. Cupola che mantiene quella che i restauratori chiamano ‘la cicatrice’ è stato spiegato, che ricorda ciò che è successo. Dopo l’inno francese e italiano, Mattarella si è soffermato nella cappella della memoria dinanzi alla pietra dove sono incisi i nomi delle vittime del sisma e poi ha sfogliato il libro che contiene le foto delle vittime. All’apertura del portone della Chiesa i mille bambini hanno lanciato in aria i palloncini nero verdi, colori della città e simbolo di ricordo e di speranza.

“Italia e Francia nazioni sorelle la cui vicinanza si misura con una forza d’animo così particolare che ci porta a costruire insieme, consapevoli che senza l’altro non potremo andare lontano. E la ricostruzione della Chiesa di Santa Maria del Suffragio è il più bel simbolo della nostra amicizia”, ha detto la ministra francese degli Affari Europei, Nathalie Loiseau.

Previous Test Abu Dhabi, Show di Leclerc
Next DALL'8 DICEMBRE TORNA LA TOMBOLA VAJASSA DI NANA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

DI MAIO: “L’OBIETTIVO DI GOVERNO NON E’ ASSOLUTAMENTE L’USCITA DALL’EURO, MA RENDERE LA PERMANENZA DEL NOSTRO PAESE NELLA MONETA UNICA UNA POSIZIONE CONVENIENTE”

“L’obiettivo di governo di M5S non è assolutamente l’uscita dall’euro, ma rendere la permanenza del nostro Paese nella moneta unica una posizione conveniente per l’Italia. La nostra posizione è una

ultimissime

IL TRIONFO DELL’EROTISMO NELLA SCULTURA NAPOLETANA TRA ‘800 E ‘900

Cominciamo questa entusiasmante carrellata tra poppe al vento ed invitanti sederi ben esposti illustrando la Victa (fig. 1) di Francesco Jerace, il suo capolavoro, che secondo le intenzioni dell’artista rappresentava,

ultimissime

NON UN NUOVO CARCERE MA UN CARCERE NUOVO

Vendere Poggioreale,San Vittore e Regina Coeli in cambio di penitenziari nuovi,sia perchè le strutture sono oblosete,sia perchè c’è il sovraffollamento.Un progetto che sembra diventato realtà grazie al ministro Andrea Orlando.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi