TERZIGNO E “LA STORIA RITROVATA: DA SITO DI STOCCAGGIO A SITO ARCHEOLOGICO”

Domani  1° febbraio 2018 alle ore 10.00 in via Marconi a Terzigno, alle falde del Vesuvio, ci sarà  l’evento dal titolo “La storia ritrovata: da sito di stoccaggio a sito archeologico”, un tour organizzato dall’Amministrazione Comunale per mostrare i risultati dell’attività di bonifica e le opportunità di rilancio del patrimonio archeologico-culturale dell’area di Cava Ranieri.

Presenti, oltre al Sindaco di Terzigno Francesco Ranieri e l’Assessore ai Beni Archeologici con la delega al Turismo, Genny Falciano, anche il Presidente del Parco del Vesuvio, Agostino Casillo, il Presidente e Ad della Sogesid Spa (Soggetto Attuatore degli interventi di bonifica) Enrico Biscaglia, il Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna e Mario Cesarano della Soprintendenza A.B.A.P. per l’Area Metropolitana di Napoli.

 Interverranno anche il Consigliere Regionale con la delega al Grande Progetto Pompei, Mario Casillo, i Consiglieri della Città Metropolitana, Michele Maddaloni (delegato Grande Progetto Pompei) ed Elena Coccia (delegato ai Siti Unesco) oltre che altre autorità istituzionali e politiche. Parteciperà anche una rappresentanza degli studenti del territorio.
Previous GLI INFLUENCER DIFFONDONO LE NOTIZIE E NE FANNO UN'EPIDEMIA
Next NAPOLI , TRA RECORD E L'OBIETTIVO CHIAMATO SCUDETTO!

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Desametasone: riduce di un terzo la letalità da covid per i pazienti più gravi

Per la prima volta un farmaco sembra ridurre in modo importante la mortalità per covid nei pazienti più gravi: il medicinale di cui tutti parlano in queste ore di chiama desametasone

Approfondimenti

AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI, FARI PUNTATI SULLA CULTURA EGIZIA

A seguito delle adesioni per il precedente incontro presso la sezione Egizia del Museo Archeologico, Megaride, propone nuovamente un incontro culturale per ammirare e approfondire testimonianze di una cultura millenaria.

Approfondimenti

Fumo: ricercatori giapponesi trovano sostanze cancerogene nelle sigarette elettroniche

E sigarette sono propagandate come una sana alternativa alle sigarette tradizionali. Ma secondo gli scienziati giapponesi, contengono a volte più sostanze cancerogene del tabacco tradizionale. Secondo uno studio condotto dagli

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi